Alto Rubicone. Lotta a spaccio, furti e insicurezza: tutti i numeri dell’attività antidegrado della Polizia Municipale 

Venti arresti e 74 denunce in sette mesi: l’l’Unità antidegrado delle Polizie Municipali dell’Unione Rubicone e Mare e di Cesenatico tira le somme di un 2017 che l’ha vista nascere e consolidarsi sui territori di Savignano, Gatteo, Borghi, Sogliano, Roncofreddo e Cesenatico. La task force creata “unendo le forze” dei due Comandi di Polizia Municipale ha infatti avviato la sua attività il primo giugno 2017, concentrando la propria attività sulla sicurezza urbana, il contrasto alla criminalità e la prevenzione del degrado.

“Il Nucleo – spiega il presidente dell’Unione Rubicone e Mare Filippo Giovannini – ha dato risultati fin da subito la propria attività nel contrastare le condotte e le situazioni che generano insicurezza nei cittadini, partendo proprio dalla presenza in strada e dall’ascolto dei cittadini stessi. La Pm è infatti, come organo di polizia locale, l’interlocutore più vicino alla vita quotidiana delle persone, che incontrano di frequente gli agenti e sanno di potersi rivolgere a loro per  le segnalazioni, anche informali, di comportamenti pericolosi o molesti o di degrado di spazi pubblici”.

Più di 1.500, quindi, le ore di servizio straordinario notturno, con oltre ottocento persone identificate e controllate, a cui si affianca l’attività diurna del Nucleo, presente sul territorio con dieci agenti conferiti dai due Comandi e due ispettori. In venti casi, in questi sette mesi, l’Unità antidegrado è intervenuta con l’arresto diretto di altrettante soggetti: in otto casi per spaccio di stupefacenti, in dieci per delitti contro il patrimonio (furti e rapine) e in due per resistenza a pubblico ufficiale. Parallelamente, sono state denunciate a piede libero altre 74 persone, di cui otto minorenni: 15 per detenzione di stupefacenti a fine di spaccio, 28 per delitti contro il patrimonio (furto, ricettazione, danneggiamenti), otto per guida in stato di ebbrezza, nove per inosservanza delle norme sugli stranieri, oltre a casi di porto abusivo di armi improprie, minacce, detenzione di merce contraffatta, abusi edilizi e impiego di lavoratori extracomunitari clandestini. Nel caso delle persone segnalate per detenzione di stupefacenti ad uso personale sono state contestualmente sequestrate, tra cannabinoidi ed eroina, oltre un kg di sostanze.

“Risultati concreti – continua il sindaco di Borghi Piero Mussoni, che in Unione ha la delega alla Polizia Municipale – resi possibili non solo dall’impegno della squadra, ma anche dalle collaborazioni che ha saputo instaurare con tutte le forze dell’ordine indispensabili per l’efficace presidio del territorio, soprattutto con i Carabinieri, ma anche con la  Guardia di Finanza, le istituzioni e l’Ispettorato del lavoro. Voglio inoltre ringraziare l’intero Comando della Pm per avere reso possibile la creazione del Nucleo: la scelta di incrementare le attività per la sicurezza ha aumentato la mole di lavoro di ogni singolo agente, insieme alla Comandante tutta la squadra dei 27 agenti e ispettori ha rivisto la divisione degli incarichi e si è fatta carico dei tanti adempimenti per permettere questo ulteriore potenziamento del servizio di controllo del territorio”.

Quarantadue, poi, le perquisizioni effettuate e cinque gli interrogatori, cinque le persone straniere accompagnate in ufficio per essere identificate e due le persone scomparse rintracciate e riportate ai familiari/accompagnatori.  In ambito amministrativo si registrano poi sei sanzioni per guida in stato di ebbrezza e una per ubriachezza, tre per conduzione irregolare di esercizi pubblici e una per somministrazione di alcolici oltre l’orario consentito, oltre a 23 sanzioni per accattonaggio. Ai legittimi proprietari che ne avevano subito il furto sono inoltre stati restituiti un’autovettura, una bicicletta, cinque cellulari e alcune decine di capi di abbigliamento. L’attività estiva di contrasto all’abusivismo commerciale ha portato a 432 sequestri di materiali e 82 rinvenimenti di merce abbandonata.

Carmela Vigliaroli

cvigliaroli@giornaledelrubicone.com