ALTO RUBICONE. REQUISITI DUE IMMOBILI NEI COMUNI “ESTRANEI” ALL’ACCOGLIENZA PROFUGHI

Il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica si è riunito nei giorni scorsi per fare il punto della situazione riguardo l’accoglienza dei profughi nel territorio di Forlì-Cesena. Arriva il consenso dell’Unione dei Comune di Cesena – Valle del Savio, per bocca del Presidente Paolo Lucchi e il Vicepresidente Marco Baccini.

Il Prefetto Fulvio Rocco de Marinis ha preso l’impegno di concretizzare l’equilibrio territoriale tra le Unioni della Provincia con l’intenzione da parte della stessa Prefettura di requisire due immobili situati rispettivamente nei Comuni di Gatteo e San Mauro Pascoli, da destinare all’accoglienza dei profughi. Sono state annunciate inoltre le prossime aperture di Centri di accoglienza straordinari nei Comuni di Longiano, Gambettola e Savignano, mentre a settembre sono previste ulteriori aperture a Gatteo e Sogliano.

Nella lettera al Prefetto, il Presidente Lucchi e il Vicepresidente Baccini confermano la disponibilità complessiva nei sei Comuni dell’Unione di 320 posti di accoglienza per i richiedenti asilo, di cui 260 già in capo alla stessa Unione, mentre i restanti 80 (già occupati anch’essi) verranno presi in carico nelle prossime settimane dopo la conclusione della procedura per l’individuazione e l’accreditamento delle strutture.

 

Carmela Vigliaroli