Bellaria Igea Marina e Rimini. Controlli dei Carabinieri, 3 denunce in stato di libertà

Notte di intenso lavoro per i Carabinieri della Compagnia di Rimini, al comando del Capitano Sabato Landi, che, come disposto dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Rimini, Ten. Col. Giuseppe Sportelli, con l’entrata nel vivo della stagione estiva, grazie anche ai rinforzi inviati dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, hanno intensificato la presenza sul territorio, diversificando le modalità di intervento al fine di contrastare in maniera incisiva le varie fenomenologie di reato.

In particolare:

  • 1 denuncia in stato di libertà per lesioni personali aggravate.

Nel corso della notte i Carabinieri della Stazione di Bellaria Igea Marina hanno deferito in stato di libertà, per il reato di lesioni personali aggravate, S.Y., 19/enne milanese di origini nordafricane, in vacanza a Bellaria. Erano circa le due quando il ragazzo, mentre era intento a ballare, aveva un alterco verbale con due giovani di Bellaria. Gli addetti alla sicurezza, notando che i toni della discussione si stavano inasprendo, al fine di evitare problematiche ulteriori, accompagnavano i ragazzi all’uscita cercando di riappacificarli. Allontanatisi dall’ingresso, dopo un momento di apparente calma, S.Y. colpiva con un violento pugno al volto uno dei due ragazzi. Prontamente l’altro giovane coinvolto interveniva per soccorrere l’amico venendo a sua volta colpito da S. Y. con una bottigliata alla testa. Dopo aver aggredito i due giovani, S.Y.

Si allontanava dal luogo dei fatti dirigendosi a piedi in direzione Rimini. Prontamente sul posto intervenivano i Carabinieri della Stazione di Bellaria Igea Marina che, dopo aver prestato i primi soccorsi ai feriti allertando il 118, grazie alle indicazioni fornite dalle vittime, si ponevano alla ricerca dell’aggressore rintracciandolo poco dopo. Lo stesso, capendo che sarebbe stato ricercato dai militari dell’Arma che erano già in zona in servizio di controllo del territorio, al fine di eludere i controlli, si era disfatti della camicia sporca di sangue che indossava precedentemente rimanendo a torso nudo. I due giovani sono stati trasportati in ospedale per ricevere le cure mediche del caso per le ferite riportate.

  • 1 denuncia per danneggiamenti e invasione di edifici.

Alle ore 03:00 circa i Carabinieri della Stazione Rimini Principale, a seguito di segnalazione di un cittadino giunta al numero di emergenza 112, sono intervenuti in via Garibaldi ove O. M. G., cittadina rumena classe 1978, già nota alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia, al fine di guadagnarsi l’accesso ad un negozio di orto-frutta attualmente in disuso, ne aveva infranto la porta-finestra utilizzando un tombino. All’arrivo dei militari la donna veniva trovata all’interno del negozio mentre stava preparando un giaciglio di fortuna per poter dormire. La stessa, per giustificarsi del proprio operato, affermava di essere stata autorizzata dal proprietario e che, avendo trovato la porta chiusa, aveva rotto il vetro per poter guadagnare l’accesso.

  • 1 denuncia per resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale.

Alle ore 07:00 circa i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del dipendente NOR, a conclusione dei relativi accertamenti, deferivano in stato di libertà, per i reati di resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale, G. A., 23/enne di origini napoletane, in vacanza a Rimini. Il giovane, unitamente ad un gruppo di amici, dopo una serata trascorsa per i locali della riviera, rientrava presso un appartamento preso in locazione per le vacanze. Lo stesso, come concordato con gli amici, avrebbe dovuto lasciare la struttura ad un altro gruppo di conoscenti che nel frattempo erano giunti a Rimini. Ma quando gli amici sono arrivati invitandolo ad andare via e liberare la stanza, il giovane è andato su tutte le furie, minacciandoli per poi rinchiudersi in una stanza. I vicini di casa, sentendo le urla e temendo che la situazione degenerasse, hanno contattato il numero di emergenza 112. Sul posto giungevano due equipaggi dell’aliquota radiomobile che, dopo essere entrati in casa, venivano aggrediti dal ragazzo che veniva riportato alla calma con non poca difficoltà.

L’attenzione del Comando Compagnia Carabinieri di Rimini rimane alta e costante sull’intera giurisdizione di competenza al fine di fornire una risposta concreta ed incisiva alle legittime pretese di legalità avanzate dai cittadini. Pertanto, con l’arrivo della stagione estiva, continueranno con la massima assiduità i servizi di prevenzione e contrasto svolti dall’Arma dei Carabinieri, affiancando alla capillare perlustrazione del territorio una continua e attività info-investigativa, contattando la cittadinanza al fine di acquisire quante più notizie utili per prevenire il ripetersi dei reati ed assicurare alla giustizia gli autori di quelli già perpetrati.

 

 

Compagnia Carabinieri di Rimini