SAN MAURO PASCOLI. AZIONI CONTRO L’ILLEGALITA’ NEL SETTORE CALZATURIERO

Grazie all’accordo coordinato da CNA, che coinvolge la Guardia di Finanza e l’amministrazione pubblica, dal 2015 ad oggi è stato bloccato un giro di fatture false legate al distretto del calzaturiero del Rubicone, che supera gli 8 milioni di euro e coinvolge oltre 15 imprese, numero davvero ragguardevole per un distretto che conta circa 138 imprese e 2.700 occupati.

Un’operazione molto complessa, secondo il Comandante della Tenenza della Guardia di Finanza di Cesenatico Luogotenente Marco Guarino, che mette in luce gravi fenomeni di illegalità fiscale e contributiva. Utili anche gli strumenti di supporto utilizzati dal protocollo stipulato con CNA e con l’amministrazione di San Mauro Pascoli.

Purtroppo il “distretto calzaturiero del Rubicone”, come afferma Paolo Raggini, presidente CNA Federmoda Forlì-Cesena, sta vivendo un momento difficile a causa di fenomeni di illegalità, con risultati che potrebbero essere irrecuperabili, seppure rimanga nella cultura territoriale una tradizione che permette alla calzatura di distinguersi in tutto il mondo per la sua qualità.

A tal proposito verranno sostenute tutte le azioni volte a garantire il rispetto della legalità, la concorrenza leale e le azioni a sostegno delle piccole medie imprese della zona.

 

Carmela Vigliaroli