Unione Rubicone e Mare. Trend positivo per il turismo, ma si preferisce il “mordi e fuggi”

Bilanci al termine della stagione estiva 2017 nell’area Rubicone mare: turismo in crescita, ma con la preferenza per il “mordi e fuggi” come si registra ormai da qualche anno. Aumentano dell’8% i turisti (+31.800) e del 18% le giornate passate nelle località dell’area Rubicone e mare (+415.000), dati a luglio. Cesenatico in testa, con quasi +8% di arrivi e con oltre il 20% in più di turisti che si sono fermati. Gatteo stabile a un +1,5% sul periodo, ma ad appena lo 0,1% sulle presenze. San Mauro incrementa gli arrivi (+6,2%) ma diminuisce molto le presenze (-6,9%). Savignano incrementa gli arrivi del 4,2%, ma non i pernottamenti, che si fermano al 1,8%.  In pratica, i turisti che arrivano, rimangono di più nel nostro territorio e spesso si tratta delle stesse persone che tornano più volte nello stesso posto, compresi gli stranieri.

Secondo un’indagine del Cna Est Romagna che ha coinvolto una rappresentanza di imprenditori nel settore turistico, le presenze sono in crescita ma viene evidenziata la “crisi” del centro storico di Cesenatico che risente molto della concorrenza di paesi limitrofi come Cervia, Milano Marittima e Gatteo. Soddisfatti gli operatori di Valverde, Villamarina, Gatteo Mare e San Mauro.

 

Carmela Vigliaroli

cvigliaroli@giornaledelrubicone.com