Viserba. Detenzione di stupefacenti, arrestate due persone dai Carabinieri

Proseguono con incisività i servizi di prossimità posti in essere dai Carabinieri della Compagnia di Rimini, al comando del Capitano Sabato Landi, finalizzati alla prevenzione dei reati, con particolare riguardo ai reati contro il patrimonio ed al fenomeno dell’uso di sostanze stupefacenti, problematica abbastanza diffusa sul territorio e per la quale permane sempre molto alta l’attenzione dei Carabinieri.

Nel corso del primo pomeriggio di venerdì 03 agosto, a Rimini, i Carabinieri della Stazione di Viserba hanno tratto in arresto, in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, B. M., classe 1983, e B. A., classe 1975, entrambi originari della provincia di Brescia, già noti alle forze dell’ordine per i loro precedenti di polizia.

In particolare i militari, impiegati nell’ambito del quotidiano servizio di controllo del territorio, intensificato ulteriormente con l’entrata nel vivo della stagione estiva e grazie all’impiego del personale di rinforzo inviato dal Comando Generale dell’Arma, transitando sul lungomare in località Torre Pedrera, notavano i due uomini che, avendo visto la pattuglia di militari intenta ad effettuare dei controlli, cambiavano strada e si allontanavano con passo spedito. I Carabinieri, pertanto, procedevano a fermarli ed a sottoporlo a controlli di polizia e, d’intesa con la locale Autorità Giudiziaria, a successiva perquisizione personale conclusasi con esito positivo: infatti, B. M. veniva trovato in possesso di due involucri in cellophane contenenti complessivamente 40 grammi di marijuana che lo stesso aveva nascosto nelle mutande mentre B. A. veniva trovato in possesso di un frammento di hashish dal peso di 32 grammi occultato nella suola delle scarpe. Il tutto è stato sottoposto a sequestro in attesa di esperire le analisi di laboratorio del caso. I due uomini, espletate le formalità di rito, sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della Stazione di Rimini Principale in attesa della celebrazione del rito direttissimo. Nel corso della mattinata odierna, a seguito di udienza di convalida svoltasi presso il Tribunale di Rimini, l’arresto è stato convalidato ed i due uomini sono stati condannati ad un anno e quattro mesi di reclusione, con pena sospesa, e sottoposti all’obbligo di dimora nel comune di residenza.

I Carabinieri continueranno a prestare la massima attenzione allo specifico settore organizzando periodicamente analoghi servizi preventivi e repressivi al fine di incrementare la percezione di sicurezza tra la cittadinanza e porre in essere una concreta azione di contrasto ai vari fenomeni delittuosi.

 

 

 Compagnia dei Carabinieri di Rimini