25 aprile: l’Uisp aderisce all’appello #BellaCiaoinogniCasa

(ANSA) – ROMA, 24 APR – L’Uisp aderisce all’appello #BellaCiaoinogniCasa, lanciato dall’Anpi per festeggiare il 25 aprile all’insegna dell’unità, cantando alle 15 Bella Ciao ognuno dalla finestra della propria casa, secondo le prescrizioni dell’emergenza Coronavirus.
    In tempi normali, i Comitati Uisp di molte città avrebbero organizzato i Meeting di Atletica leggera, le biciclettate e le camminate per i valori della Resistenza, con attività sportive di vario tipo.
    Per questo, nell’ambito della campagna “La palestra è la nostra casa”, l’Uisp organizzerà una diretta sulla pagina Facebook Uisp Nazionale dalle 14.30 alle 15.15 di sabato 25 aprile. Interverranno il presidente nazionale Uisp Vincenzo Manco insieme ad Adelmo Cervi, figlio di Verina Castagnetti e Aldo Cervi, terzogenito dei sette fratelli Cervi, riferimento politico della Resistenza. Subito dopo interverranno il giornalista Marco Pastonesi e lo storico dello sport e scrittore Sergio Giuntini, insieme ad altri ospiti che stanno aderendo all’iniziativa Uisp. Alle 15 l’Uisp parteciperà all’iniziativa lanciata dall’Anpi e la canzone partigiana Bella Ciao verrà interpretata alla chitarra da Simone Ricciatti, presidente Uisp Pesaro e attore. La fumettista Franziska eseguirà in diretta un’illustrazione dedicata ai valori della Liberazione e dello sport sociale. Durante la diretta verranno trasmessi brevi videointerviste a Tina Costa e Marisa Rodano, realizzate da Uisp e Udi per il video “Le ragazze del ’43” sul ruolo delle donne nella Resistenza. Inoltre alcuni ragazzi e ragazze leggeranno brani di libri dedicati ai valori della Liberazione. “Il 25 aprile è noi stessi. È la Uisp, la nostra storia associativa, ma soprattutto è il sistema dei valori condivisi che sono scolpiti nelle norme della Carta Costituzionale – dice Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp – la Liberazione è la festa di tutto il Paese, perché è la conquista della democrazia e del progresso”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte