ALTO RUBICONE. EMERGENZA PROFUGHI: MANCANO ALL’APPELLO GATTEO E SOGLIANO

“L’Italia intera è mobilitata nell’accoglienza dei migranti e chiede all’Europa, in questi giorni con particolare forza e decisione, condivisione in questa opera, necessaria se l’Europa stessa vuole mantenere fede ai propri principi e necessaria all’Italia per evitare che la situazione divenga insostenibile”. Così esordisce l’esponente democratico Enzo Lattuca, parlamentare cesenate.

“Va sostenuto il lavoro di questi giorni del governo italiano, impegnato ad ottenere una vera solidarietà europea rispetto all’Italia nella gestione di un fenomeno epocale che interessa l’intero continente e che deve dunque vedere l’intero continente impegnato nel risolverlo. Purtroppo però non tutti i Comuni fanno la loro parte”, polemizza il parlamentare, “come accade in quelli amministrati dal centrodestra nel territorio dell’Unione Rubicone e Mare”. Atteggiamento definito inaccettabile: “non possono esistere zone franche, quali di fatto sono ora Gatteo e Sogliano, dove non viene accolto nemmeno un richiedente asilo mentre in altri Comuni, come Cesenatico, Borghi e Roncofreddo, il numero di persone accolte (al momento 127 migranti) supera addirittura le quote assegnate”.

Lattuca esorta infine la Prefettura nel tentare di riequilibrare questa situazione e ritiene sia importante che si inizi a ragionare seriamente anche sulla fase della post accoglienza, o accoglienza di secondo livello, che riguarda coloro che escono dalle strutture e che si trovano abbandonati a se stessi.

 

Carmela Vigliaroli