Arcelor Mittal, sindacati proclamano lo sciopero il 9 giugno: “Piano inaccettabile”

Le sigle dei metalmeccanici di Cgil, Cisl e Uil proclamano 24 ore di sciopero in tutti gli stabilimenti del Gruppo Arcelor Mittal Ex Ilva per il 9 giugno, in concomitanza con l’incontro tra le segreterie nazionali e il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli. “Le segreterie nazionali di Fim Fiom Uilm, insieme alle strutture territoriali ed alle Rsu del gruppo Arcelor ex Ilva – spiegano i sindacati in una nota – ritengono inaccettabile il piano industriale presentato da Arcelor Mittal al governo in data 05/06/2020, non ancora ufficializzato alle organizzazioni sindacali, contenente esuberi all’interno dei vari siti”. Piano che prevede 3.300 esuberi su 10.700 occupati.Ex Ilva, Patuanelli: “Ingresso dello Stato quasi inevitabile, da ArcelorMittal tagli inaccettabili”
Le organizzazioni dei lavoratori “rivendicano con forza la piena occupazione, gli investimenti e il risanamento ambientale oggetto dell’accordo sindacale del 06/09/2018” e “ritengono ancor più grave che le decisioni dell’azienda si basino su un accordo tra la stessa Arcelor Mittal e il governo siglato nello scorso mese di marzo ma a tutt’oggi a noi sconosciuto”, si legge nella nota.


RepDall’Ilva di Taranto a Terni, Italia senza un piano siderurgia

Fonte originale: Leggi ora la fonte