Arresto Genovese: ex fidanzata interrogata da pm Milano

(ANSA) – MILANO, 21 DIC – L’ex fidanzata di Alberto Genovese,
l’imprenditore del web finito in carcere il 6 novembre per aver
stordito con un mix di droghe e stuprato una 18enne nel corso di
un festino, è stata interrogata oggi in Procura a Milano. La
ventenne, indagata per concorso in violenza sessuale a seguito
della denuncia di un’altra ragazza che avrebbe subito abusi a
Ibiza, è stata ascoltata a verbale per alcune ore nel tardo
pomeriggio, nelle indagini della Squadra mobile, coordinate
dall’aggiunto Letizia Mannella e dal pm Rosaria Stagnaro.
    La 23enne, che la scorsa estate avrebbe subito abusi
nell’isola spagnola (Genovese è indagato anche per questo
episodio), aveva spiegato agli investigatori che l’imprenditore
e la sua allora fidanzata quel giorno “mi hanno invitata ad
andare in camera, per fare un’altra striscia di cocaina, io li
ho seguiti, ed avevo chiesto se io potevo farmi di ‘2CB’. Loro
hanno acconsentito e sono andata (…) Da quando sono entrata in
camera ed ho tirato una striscia di stupefacente di colore rosa
(…) non ricordo più nulla”.
    Una delle giovani – che ha partecipato al festino del 10
ottobre nell’attico milanese ‘Terrazza Sentimento’ dove il ‘mago’ delle start up avrebbe violentato la 18enne – aveva
raccontato che giravano “delle voci su Genovese, nello specifico
si dice che lui e la sua ex fidanzata (…) erano soliti drogare
le ragazze alle loro feste private per poi violentarle”.
    Tutti elementi al vaglio di investigatori e inquirenti, così
come altre due denunce per presunti abusi presentate da
altrettante ragazze nei giorni scorsi. Oltre alle numerose
testimonianze raccolte finora su ciò che accadeva nei festini e
alle immagini delle telecamere interne dell’appartamento
milanese. Filmati da cui sarebbero emerse altre presunte
violenze. Indagato per spaccio di droga anche Daniele Leali, “braccio destro” di Genovese, secondo alcune testimonianze, e da
poco rientrato dall’Indonesia. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte