Ascot prima volta senza Regina, ma c’è il re Dettori

Nonostante l’assenza della Regina, Frankie Dettori si conferma l’indiscusso re di Ascot, conquistando la terza Gold Cup di fila in sella a Stradivarius, l’ottava della sua strepitosa carriera. Sulla soglia dei 50 anni, il fantino italiano ripete dunque i trionfi del 2018 e 2019, ma questa volta più che mai deve ringraziare il suo fenomenale cavallo, di sei anni ed allenato da John Gosden, nettamente il più veloce nonostante le avverse condizioni metereologiche. “La pioggia e il fondo pesante di certo non lo hanno aiutato, eppure sono stati gli altri cavalli ad andare in difficoltà – le parole di Dettori -. Sul finale ho premuto il bottone ed è letteralmente decollato”. Conquistando così il terzo trionfo consecutivo ad Ascot, impresa riuscita solo ad altri due cavalli, Sagaro negli anni ’70 e Yeats, vincitore quattro volte di fila tra il 2006 e il 2009.

“E’ un grandissimo risultato, anche senza pubblico. Il prossimo anno vogliamo cercare di eguagliare il primato di Yeats”, la gioia di Dettori, che ha conquistato l’ottavo sigillo personale alla Gold Cup, a distanza di 28 anni dal primo trionfo in sella a Drum Taps. Con quella odierna salgono a 69 le vittorie di Dettori ad Ascot, dove nel 1996 ha centrato un’impresa storica, vincendo tutte 7 le gare del British Championship’s Day. Entrando nei cuori di tutti gli appassionati d’ippica, tra i quali la Regina Elisabetta. L’illustre assente di quest’edizione anomala, che si è svolta – diversamente da altri eventi sportivi dell’estate britannica, come Wimbledon e l’Open di golf, annullati a causa del Covid – rigorosamente a porte chiuse. Non era mai successo nei 68 anni del suo regno che la 94enne sovrana mancasse il più prestigioso concorso ippico del mondo: né la gravidanza né la guerra avevano potuto tenerla lontana dal Royal Box di Ascot. C’è riuscito il Covid, che ha imposto ai fantini di indossare le mascherine durante la gara e di rispettare rigide misure di distanziamento sociale prima e dopo ciascuna corsa. 


Fonte originale: Leggi ora la fonte