Atletica: razzismo; campionessa Commonwealth accusa polizia

(ANSA) – LONDRA, 06 LUG – La velocista britannica Bianca Williams ha accusato Scotland Yard di pregiudizi razziali dopo essere stata fermata a Londra per un controllo di routine.
    Medaglia d’oro nella staffetta 4X100 ai giochi del Commonwealth e agli Europei, la 26enne Williams era insieme al suo compagno, il quattrocentista portoghese Ricardo dos Santos, e del loro figlio di tre mesi, quando è stata fermata dagli agenti di polizia. Le immagini del fermo – pubblicate online dal loro coach, il campione olimpionico di Barcellona ’92 Linford Christie – sono diventate presto virali in rete. “E’ sempre la stessa cosa con Ricardo – ha raccontato la Williams al Times -.
    Pensano che stia guidando un auto rubata o che abbia fumato cannabis. E pensano che sia sospetto che una persona di colore guidi una bella auto in certe zone: come minimo deve far parte di una gang. E’ un pregiudizio razzista, il modo in cui gli parlano, come se fosse una feccia. E’ sconvolgente, disgustoso da guardare”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte