Bagno di Romagna. Il primo cittadino: “La situazione è gravissima, stop a feste e compleanni, troppi i comportamenti scorretti”

COVID: Situazione Locale – Ospedale Angioloni – Comportamenti Scorretti.
Cari Cittadini,
Vi fornisco alcune informazioni importanti che riguardano la nostra Comunità e che trovano origine nel livello di
gravità che la situazione connessa al Covid sta raggiungendo a livello locale e nazionale.
SITUAZIONE LOCALE
Ad oggi registriamo un nuovo aumento di casi, che deve destare molta preoccupazione sia perché è il più alto numero di casi positivi registrati nel nostro territorio, ed anche in considerazione delle previsioni generali, che indicano un progressivo peggioramento dell’andamento epidemiologico.
– 54 sono i nostri concittadini positivi;
– 5 sono ricoverati all’Ospedale;
– 76 è il numero complessivo delle persone in isolamento.
OSPEDALE ANGIOLONI
Al fine di fronteggiare il rischio di una prossima saturazione dei posti Covid all’Ospedale Bufalini di Cesena, che
ha raggiunto un livello di concreto allarme, l’AUSL ha attuato una riorganizzazione della rete ospedaliera avvalendosi degli Ospedali più strutturati del territorio, al fine di creare appositi reparti Covid per permettere di ampliare
posti letto e assistere i contagiati in aumento.
La rimodulazione del reticolo territoriale organizzata dall’AUSL ha coinvolto anche il nostro Ospedale Angioloni,
ove viene organizzato un Reparto dedicato ai pazienti Covid positivi post acuti, trasferiti dall’Ospedale Bufalini di
Cesena.
Dalle informazioni ricevute, si tratta di un’area che viene gestita da personale sanitario aggiuntivo e separata dal
Reparto Acuti (no Covid), che rimane attivo.
E’ una riorganizzazione che apprendiamo in maniera sofferta e con concreta preoccupazione, sia perché dimostra il livello di gravità che sta raggiungendo l’emergenza sanitaria a livello territoriale, ma soprattutto per il personale medico e sanitario, che si trova ad affrontare un nuovo scenario di crisi acuta, con tutte le connesse tensioni
ed i relativi gravosi impegni. Siamo vicini al personale del nostro Ospedale, esprimendo l’apprensione ed il soste –
gno della nostra Comunità.
COMPORTAMENTI SCORRETTI
Ci stanno pervenendo numerose segnalazioni di comportamenti scorretti che si sarebbero verificati – e pare si
stiano ancora verificando – in varie occasioni, quali feste e ritrovi avvenuti durante le festività natalizie, in occasione del Capodanno, camminate di gruppo, compleanni.
In assenza di evidenze concrete, ma a fronte della rilevanza che il passaparola sta avendo, avverto la seria esigenza
di intervenire per un richiamo istituzionale alla responsabilità ed al rispetto da parte di tutti.
Più volte ho espresso la mia apprensione nel comprendere il disagio che le restrizioni stanno causando a tutta la
Comunità, a partire dagli studenti, agli anziani, fino ad arrivare a tutte le attività economiche sospese, ai lavoratori
che si trovano ad affrontare il rischio quotidiano di contagio, passando per tutte le circostanze di solitudine e di
problemi economici delle famiglie.
Questi disagi, di cui tutti siamo partecipi, non possono tuttavia rappresentare la giustificazione a non rispettare le
regole. Prima che di responsabilità individuale e collettiva si tratta di una questione di RISPETTO verso tutti coloro che stanno fronteggiando a vario titolo l’emergenza e verso tutti coloro che invece si attengono scrupolosamente alle regole. E’ una questione di rispetto che non ammette sfumature o ragionamenti.
Poi, interviene anche la RESPONSABILITA’ di aggravare con tali comportamenti la situazione di crisi sanitaria
ed economica che stiamo vivendo, ciò che ha un costo in termini di contagi, di assistenza sanitaria e civile alla popolazione, nonchè di ritardare l’uscita dalla pandemia.
Nel contestare nel modo più serio e fermo tali atteggiamenti, per i quali verrà aumentato lo sforzo dei controlli,
richiamo tutti alla massima serietà ed al più profondo rispetto collettivo.
Un caro saluto.

Il Sindaco
Avv. Marco Baccini