Bellaria. Operaio arrotondava lo stipendio con lo spaccio: sequestrati due kg. di cocaina

Operaio arrotondava con lo spaccio: beccato in casa sua con quasi due chilogrammi di cocaina pura. Una quantità di stupefacente dal valore di circa 120mila euro. Le manette dei carabinieri della stazione di Bellaria, guidata dal comandante Antonio Amato, sono scattate ai polsi di B.L., impiegato di origini albanesi di una ditta di allestimenti fieristici, 37 anni, pregiudicato. L’uomo, da tempo sotto osservazione da parte dei militari, è stato sorpreso, l’altra notte, a spacciare una dose di circa un grammo di cocaina a un consumatore di stupefacenti, dalle parti di via Pisani. Ma il ‘botto’ è arrivato dalla successiva perquisizione fatta dai militari nella sua abitazione. I militari hanno trovato, nascosti nei cassetti di un armadio piazzato sul terrazzo, quasi due chilogrammi di cocaina, suddivisi in quattordici dosi. E denaro contante per 1.145 euro, somma che i militari hanno ritenuto provento di attività illecità, lo spaccio appunto, nonché materiale per il confezionamento delle dosi, e parecchi cellulari. Questi ultimi si ritiene venissero usati per concordare le vendite con gli acquirenti (nei prossimi giorni saranno fatti accertamenti tecnici). Non solo, nella disponibilità del 37enne spacciatore i carabinieri hanno anche trovato diverse auto. L’ipotesi e che venissero lasciate quale ‘pegno’ dopo le cessioni di droga in attesa di saldare i conti con denaro contante. La droga è stata sequestrata in attesa di venire distrutta. L’indagine che ha portato a questo arresto eccellente è iniziata alcuni mesi fa. Quando i militari hanno iniziato a seguire le mosse di una vecchia conoscenza, un bellariese sospettato di aver ripreso a spacciare. Da alcune intercettazioni è emerso un giro più ampio, con altri potenziali spacciatori. Sono iniziati anche i pedinamenti, che hanno portato nelle scorse settimane all’arresto di tre persone, tutti italiani, accusati di spaccio. Agivano utilizzando whatsapp, spostandosi in bicicletta e ritirando il denaro dopo aver messo la droga in nascondigli, dove veniva ritirata in un secondo momento. L’altra sera, durante il pedinamento di uno degli intercettati, appunto il 37enne di origine albanese, i militari hanno scoperto l’ingente quantità di cocaina. Il Resto del Carlino