Berlusconi ricoverato, Veronica Lario: “Sono addolorata”

Veronica Lario si è detta “addolorata e anche un po’ preoccupata” per Silvio Berlusconi che da giovedì sera è ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano a causa del Covid-19. In un colloquio con Repubblica ha riferito di aver inviato all’ex marito un messaggio di vicinanza e incoraggiamento. “I miei figli – ha rivelato – mi hanno rassicurata, mi dicono di stare tranquilla”.

Il messaggio di Veronica Lario

“Sono addolorata e anche un po’ preoccupata ma lo scenario clinico ora mi sembra abbastanza confortante e i miei figli mi hanno rassicurata, mi dicono di stare tranquilla”. È questo il contenuto del messaggio che, non appena ha saputo che Berlusconi era stato colpito dal virus (prima ancora quindi del ricovero in ospedale), la Lario gli ha fatto arrivare per fargli sentire la propria vicinanza e dargli un incoraggiamento. Un gesto che, come riporta Repubbica, l’ex moglie giudica “semplice”.

Il trattamento in ospedale

Dall’ospedale San Raffaele di Milano fanno sapere che per Berlusconi “tutto volge al meglio”. Ieri sera, dopo il bollettino medico incoraggiante delle 16, Alberto Zangrillo, medico di Berlusconi e prorettore dell’università San Raffaele, ha ribadito in un collegamento su La7 di essere “portato ad un atteggiamento di ottimismo” che “ovviamente deve essere cauto”. Per il coronavirus, ha aggiunto il primario di anestesia e rianimazione, “le terapie più conosciute prevedono per soggetto sintomatico un trattamento che va dai cinque ai sette giorni. “Il regime di ricovero (del Cavaliere, ndr) è normale – ha spiegato ieri in conferenza stampa – non è intubato e respira spontaneamente”. Dovrà rimanere, quindi, “sotto attento monitoraggio” per qualche giorno in ospedale. Il Covid-19, come sanno bene i medici del San Raffaele, è un virus imprevedibile e il quadro clinico del presidente di Forza Italia è quello di “una persona che compiendo tra qualche giorno 84 anni, mi porta a essere assolutamente cauto”.

Il riposo assoluto

Come spiegato dallo stesso Zangrillo, il “riposo assoluto” imposto e “i protocolli terapeutici precodificati” prevedono che Berlusconi resti in ospedale ancora per “qualche giorno”. Questo significa “qualche giorno e non una decina di giorni”. Tuttavia, non si può ancora ipotizzare quando sarà dimesso. Nel fine settimana, almeno per il momento, non sono previsti nuovi bollettini.


Fonte originale: Leggi ora la fonte