Binaghi, gli Internazionali di tennis a settembre

“Nei giorni scorsi l’Atp ci ha chiesto la disponibilità, a ore dovrebbe ufficializzare il calendario: gli Internazionali d’Italia dovrebbero andare al 21 settembre, con quanto pubblico lo vedremo grazie al dialogo che da domani avremo su questo tema con le istituzioni governative”. Angelo Binaghi, presidente della federtennis, annuncia all’ANSA che la manifestazione romana certamente anche quest’anno si svolgerà, e con gli spettatori che sono parte integrante da sempre dell’evento. 

“La tempistica – spiega Binaghi – è quella che il nostro partner Sport e Salute aveva auspicato, poi abbiamo preso una decisione in piena condivisione col ministro Spadafora. Che ora dovrà dirci , dopo essersi confrontato col Comitato tecnico-scientifico ,quanto pubblico ci potrà essere.

    L’obiettivo? Premesso che gli Internazionali sono in sold out permanente, che si verifica addirittura in anticipo, e che quest’anno potrebbe essere quello buono perchè un italiano torni a vincerli, è evidente che nell’interesse del movimento l’obiettivo è che ci concedano il più possibile. La manifestazione viene trasmessa in oltre 200 paesi, può essere una vetrina per far vedere che il Paese si è risollevato da questa tragedia del coronavirus e vuole ripartire più forte di prima”.
    Binaghi non lo dice ma un 50 per cento di presenze sarebbe un buon obiettivo.

“Piuttosto – spiega – dovranno essere riorganizzate le misure di sicurezza in questa edizione particolare: ad esempio è possibile che tutti posti di tutti i campi siano numerati. E che, di concerto con l’Atp, ci si possa alzare e sedersi anche durante i game, per evitare assembramenti durante le pause dei cambi campo. Esclusi contatti tra pubblico e giocatori, poi percorsi dedicati e più punti di entrata. Oltre alle misure ormai consuete: mascherina obbligatoria e gel per tutti. Queste cose si aggiungono a quelle che dispone l’Atp per garantire la salute dei giocatori e degli operatori al loro sostegno. Noi siamo catalogati tra gli sport più sicuri, dobbiamo fare un piano intelligente e innovativo per fare in modo che questa sicurezza valga anche per il pubblico”. 
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte