Cambia il decreto liquidità, prestiti e ammortamenti fino a 30 anni

Colpo di frusta al decreto liquidità in esame alla Camera con l’obiettivo di rafforzare gli aiuti alle imprese: i prestiti con garanzia dello Stato avranno rateizzazioni più lunghe e arriva un taglio drastico ai costi con una norma approvata oggi pomeriggio, che prevede che gli ammortamenti relativi al 2020 possano essere spalmati dai 10 ai 30 anni. A spingere per una revisione e un rafforzamento del testo, dopo il dibattito delle ultime settimane, è stata la maggioranza che sostiene il governo, e in particolare l’azione del Pd, dove a tenere le fila del dibattito parlamentare è stato il deputato Gianni Dal Moro. “I miglioramenti sono stati resi possibili da un dialogo assai proficuo nella maggioranza e con il governo e grazie all’impegno del ministro dell’Economia Gualtieri che è riuscito ad ottenere il semaforo verde nell’ambito del Temporary framework”, spiega Dal Moro.  
RepLe sfide del governo, il Pd alla prova della fase 2

Fonte originale: Leggi ora la fonte