Cesena. Blitz di FN alla sede PD “I fascisti non rubavano!”

Riceviamo e Pubblichiamo:
Continuano senza sosta i furti notturni su tutto il territorio cesenate colpendo negozi, aziende ma anche abitazioni private. Uno scenario più che preoccupante che finisce per condizionare lo stile di vita dei cittadini, togliendo loro serenità e tranquillità.
“Mentre l’intera città è messa a ferro e fuoco dai ladri nel Palazzo si continua a perdere tempo con la caccia ai fascisti – attacca Mirco Ottaviani, responsabile regionale del movimento politico Forza Nuova – “Un vero e proprio bollettino di guerra completamente trascurato dall’amministrazione Lucchi che sembra vivere su di un altro pianeta mentre continua a fare acqua da tutte le parti.”
Intanto all’alba di venerdì, innanzi alla sede del Partito Democratico cesenate di viale Giovanni Bovio, veniva affisso uno striscione firmato Forza Nuova con su scritto “I fascisti non rubavano”.
“Un’azione provocatoria certo ma che mette in luce le tante contraddizioni della campagna antifascista guidata dal compagno Lucchi” – spiega Mirco Ottaviani – “Mentre oggi tutti i partiti e i rappresentanti delle istituzioni sono sorpresi ogni giorno con le mani nella marmellata a rubare, arricchendosi a spese dello stato e dei cittadini, è dimostrato che nel ventennio dal più umile gregario al più alto gerarca nessuno approfittò della propria posizione per arricchirsi.”
Ottaviani allora conclude rivendicando le numerose passeggiate per la sicurezza intraprese dai militanti forzanovisti che anche giovedi sera erano in strada con la loro iniziativa – “Se i fascisti poi sono quelli impegnati nel vigilare nei quartieri più a rischio della città concedendo anche se per poco un po’ di pace al sonno dei cittadini, ben vengano i fascisti!”
Carmela Vigliaroli
cvigliaroli@giornaledelrubicone.com