Cesena. Borello, derubano anziana dopo averla raggirata. Arrestati in flagranza di reato

Nella mattinata dello scorso 11 maggio, all’esito di un servizio finalizzato al contrasto dei reati predatori, specie di quelli commessi in danno di persone anziane (ffurti con destrezza, truffe, ect.), militari DELL’ALIQUOTA OPERATIVA DEL DIPENDENTE N.O.R., congiuntamente a personale della Stazione Carabinieri di Sogliano al Rubicone, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un 65enne originario della provincia di Salerno ed una 61enne originaria della provincia di Pisa, conviventi, residenti nel riminese.

La donna è stata osservata mentre, verso le ore 10,00 circa, a Cesena, frazione di Borello, in una delle vie centrali della località, scesa dall’autovettura condotta dal suo complice e camuffato il suo aspetto con un vistoso cappello e un paio di occhiali da sole, avvicinava, con il pretesto di chiederle un’informazione stradale, una 79enne del posto.

La donna, presa confidenza con la sua vittima, le proponeva di provare una crema per la pelle e, nell’atto di spalmare la sostanza, con gesto fulmineo si impossessava della collana in oro che la signora aveva indosso, sganciandola, e facendola scivolare all’interno della propria borsa, senza che la vittima si avvedesse di quanto stava accadendo. Fatto ciò, con un diversivo, si allontanava velocemente dalla sua vittima, dirigendosi verso l’autovettura in attesa per darsi alla fuga.

I due, però, sono stati tempestivamente fermati dai militari che, nell’immediatezza li hanno trovati in possesso della refurtiva, nonché di un ulteriore monile in oro frutto, verosimilmente, di analoga strategia. La collana, così recuperata, fatta riconoscere alla vittima in sede di denuncia, è stata restituita, mentre l’altra, posta sotto sequestro in attesa di accertarne l’appartenenza.

I due malviventi, all’esito degli accertamenti del caso, quali perquisizioni personale e domiciliare, sono stati denunciati in stato di arreso poiché ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di “furto aggravato” e trattenuti presso le camere di sicurezza del Comando, così come disposto dal Sostituto Procuratore di turno presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Forlì, Dott.ssa Lucia Spirito, nell’attesa del rito direttissimo tenutosi nella mattinata del 12 maggio.

All’esito del rito, il giudice del Tribunale di Forlì ha convalidato l’arresto, disponendo l’immediata liberazione dei due truffatori, in attesa dell’ulteriore udienza che si terrà nei primi giorni del mese di giugno, avendo gli stessi chiesto i termini a difesa.

 

Compagnia Carabinieri Cesenatico