CESENA. SECONDA VARIAZIONE DI BILANCIO. SIROTTI GAUDENZI (LEGA): NUMERI A BILANCIO GRAZIE A PNRR MA PROGETTI CONFUSI

 

Cesena, 13 maggio. “Sono i fondi PNRR, risorse che l’Italia dovrà restituire per i due terzi, che hanno concorso a comporre i numeri della variazione al bilancio comunale. Ed è proprio sui progetti che verranno realizzati con queste risorse, la rigenerazione dell’area stazione e la scuola Anna Frank, che abbiamo chiesto alla Giunta di essere coinvolti, come minoranze, per avere contezza in corso d’opera non solo della qualità dei progetti, ma anche per dare il nostro contributo. Tutto il resto è ordinaria amministrazione: risorse sparse a pioggia per progetti vagamente spiegati dagli assessorati di competenza. Unica luce l’attenzione e la disponibilità dell’assessore al Bilancio Camillo Acerbi, che, tuttavia, fa quello che può interpretando le varie voci a bilancio dai titoli spesso piuttosto criptici”.

Così in una nota il consigliere comunale della Lega, Enrico Sirotti Gaudenzi.

“Ovviamente la Giunta continua a puntare su cavalli di battaglia ormai bolsi. Incapace di mutare visuale, nonostante le critiche delle minoranze e certi segnali non incoraggianti provenienti dal territorio, continua a convergere risorse cospicue sulla bicipolitana (progetto ancora non sufficientemente chiarito) e su un ‘green’ che poi tanto ‘green’ non è. Nel primo caso, noi della Lega siamo certamente favorevoli alla realizzazione di ciclabili (vere piste ciclabili, non finte e pericolose come gran parte delle attuali), ma sollecitiamo anche una contestuale attenzione a tutto il resto del sistema della viabilità (sosta, strade, marciapiedi). La Giunta Lattuca, tuttavia, da questo orecchio non ci sente. Quanto al ‘green’, grande perplessità dai banchi delle minoranze sul progetto del ‘bosco urbano’ che non convince sia dal punto di vista progettuale, sia da quello dei costi stratosferici. Una verifica puntuale sui due aspetti sarebbe necessaria. Dunque, giudizio negativo della Lega ma, sorprendentemente, qualche perplessità sollevata anche dai banchi della maggioranza. Tanto di cappello a chi ha l’onestà intellettuale di cercare di raddrizzare la barca pur votando favorevolmente. Di solito, dai banchi PD si alzano solo elogi lirici alla Giunta”.

La segreteria