CESENATICO. Area Mercatale del Porto: dal 2 agosto esecutiva l’ordinanza che regolamenta gli accessi

 

Le novità riguardano il Molo di Ponente, Viale Magrini, Viale Darsena, parte terminale del Lungomare Ponente, Via Matteucci, il cosiddetto “Sperone di Ponente” e il cosiddetto “Vecchio Squero”. 

Cesenatico, 28 luglio 2021_Da lunedì prossimo, 2 agosto 2021, diventerà esecutiva l’ordinanza che regolamenta gli accessi nell’Area Mercatale del Porto di Cesenatico con la tappa conclusiva di quelli che sono stati i lavori che hanno rivoluzionato le condizioni di una zona fondamentale per il tessuto produttivo di Cesenatico. La riqualificazione completa, eseguita dopo aver ottenuto i finanziamenti dai bandi FLAG e FEAMP, si arricchisce così di una nuova disciplina per accesso, transito e sosta in una zona di lavoro per tante imprese della città. 

 

L’ordinanza

È vietata la circolazione e la sosta lungo la via Magrini-lato cantieri (nel tratto compreso tra il primo fabbricato in concessione al cantiere Marconi sino al ciglio banchina) e la via Darsena, ad eccezione dei veicoli autorizzati. Qui è già stato istituito tempo fa ed ora inserito in ordinanza,  un sistema di 2 varchi elettronici ad attivazione telefonica su via Darsena, in corrispondenza delle intersezioni con Via Lungomare di Ponente. Sono abilitate all’apertura dei varchi elettronici le sole utenze telefoniche intestate ai titolari o dipendenti delle imprese di cantieristica navale afferenti l’area di cui trattasi. L’accesso e la fermata veicolare, in area cantieri lungo la via Darsena e via Magrini, è altresì consentito anche ai veicoli che trasportino o rimorchino piccole unità per l’alaggio e varo, nonché per brevi operazioni di carico e scarico (per un massimo di 20 minuti) nel rispetto di elementari regole di prudenza, tese a garantire la massima sicurezza e la tutela della pubblica incolumità, con obbligo di mantenere un’idonea distanza dallo specchio acqueo e di allontanare il veicolo senza indugio al termine delle operazioni. È istituito il divieto di transito, eccetto autorizzati, lungo la parte terminale di Via Lungomare di Ponente (direzione porto canale). Sono istituiti due stalli con divieto di sosta permanente (0-24) con rimozione eccetto autorizzati in via Lungomare Ponente, nel tratto lato monte che decorre fra il porto canale e la rotatoria adiacente al ristorante “Da Urbano”

Per quanto riguarda la zona del “mercato ittico” è istituita una disciplina di limitazione degli accessi alle zone prospicienti al mercato stesso e alla banchina “Sperone di Ponente” durante i le operazioni di sbarco, movimentazione e carico/scarico dei prodotti della pesca e mitilicoltura

Allo scopo di meglio regolamentare tutto ciò è istituito un sistema costituito da n. 4 varchi elettronici ad attivazione telefonica, così distribuiti: Varco Nord: situato in viale Carlo Matteucci lato Darsena Sud, in prossimità dell’esercizio commerciale denominato “Piadina del pescatore”. Varco a doppio funzionamento sia in ingresso che in uscita; Varco Ovest: situato in adiacenza del parcheggio di viale Carlo Matteucci angolo viale Magrini, in prossimità delle strutture intestate alla ditta “Venturi”. Varco a doppio funzionamento sia in ingresso che in uscita; Varco Sud: situato in viale Carlo Matteucci in adiacenza dell’inizio dei locali intestati alla ditta “Onofri”. Varco solo in ingresso; Varco Est: situato presso la banchina dei pescatori in adiacenza della pesa dei mitili. Varco solo in uscita. 

I varchi Nord e Sud risultano permanentemente aperti dal lunedì al venerdì, nei giorni feriali, dalle ore 00:00 alle ore 08:00 e dalle ore 20:00 alle ore 24:00. Sabati, domeniche e festivi, invece, nell’intero arco giornaliero. Al di fuori delle predette fasce orarie, cioè nel periodo di chiusura dei varchi, è consentito l’accesso, la circolazione e la sosta nell’area così delimitata, ai soli veicoli a motore intestati a ditte che esercitano stabilmente attività commerciali nell’ambito portuale, a società in qualità di clienti e o prestatori di servizi “non occasionali”; poi, al Personale addetto alla gestione del mercato ittico ed operatori economici e agli Armatori o comandanti delle unità da pesca e trasporto passeggeri stanziali nel porto di Cesenatico, imprese ad esse collegate.  Questi mezzi potranno essere abilitati all’accesso, circolazione e sosta in porto, durante il periodo di chiusura dei varchi, con il rilascio di un contrassegno e contestualmente abilitazione delle utenze telefoniche per l’apertura dei varchi elettronici. Nel periodo di chiusura dei varchi è consentito l’accesso alle sole persone addette ai lavori nell’ambito dell’area delimitata ovvero ai clienti delle attività ivi insediate; l’accesso con velocipedi è consentito solo se condotti a mano e parcheggiati negli stalli appositamente predisposti.

Inoltre, in via Matteucci, davanti l’ingresso del mercato ittico, sono individuati n. 2 attraversamenti pedonali di collegamento con le banchine portuali da utilizzarsi anche per il passaggio dei veicoli condotti a mano. L’intera area, ivi compreso il ciglio banchina, al termine delle operazioni di sbarco e movimentazione del prodotto della pesca dovrà essere lasciata pulita e libera da ogni impedimento o ingombro. Sullo “Sperone di Ponente” sono istituiti, lungo il ciglio banchina, lato darsena est, tanti stalli di sosta per quanti spazi possibili, con divieto di occupazione delle aree di carico e scarico delle merci sulle imbarcazioni ivi ormeggiate. Sull’aiuola che ospita il monumento alle vittime del mare, dovrà essere lasciato un adeguato spazio libero da auto, per il rispetto e la fruibilità del monumento stesso, nonché per la sicurezza del distributore di carburante ivi insistente

Oltre a ciò, lungo la derivazione laterale di via Matteucci, che collega la via Matteucci medesima con il parcheggio retrostante il mercato ittico (dal civico 25/S al 27/A su un lato e dal civico 25/A al civico 25/F sull’altro) è previsto il divieto di sosta permanente dei veicoli a motore, su ambo i lati e con rimozione forzata dei veicoli in difetto, ad eccezione di quelli autorizzati, che espongono apposito contrassegno e limitatamente alle operazioni di carico e scarico. Lungo lo stesso tratto è istituito il senso unico di marcia con direzione verso il varco Ovest, con contestuale divieto di transito ad eccezione dei soli veicoli autorizzati. Lungo via Matteucci, nel tratto compreso tra il varco Nord ed il civico 25/S è istituito un senso unico di circolazione in direzione del varco Ovest, con deroga per i soli carrelli elevatori motorizzati nell’apposita corsia ad essi riservata. 

In via Matteucci sul lato in adiacenza ai civici dal n. 11 al n. 23, è consentita la sosta limitatamente alla durata delle operazioni di carico e scarico; è altresì istituito un senso unico di marcia, con deroga ai soli carrelli elevatori motorizzati nell’apposita corsia ad essi riservata. Per consentire le operazioni commerciali di rifornimento dei prodotti combustibili in uso alle Cooperative di pescatori, in adiacenza ai distributori ubicati in area mercato e sullo “Sperone di Ponente” è istituita una zona di divieto di sosta permanente e con rimozione forzata a tutti i veicoli (0-24), ad eccezione delle autocisterne impiegate in tali operazioni. È istituito il divieto di sosta permanente e con rimozione forzata lungo la carreggiata adiacente la banchina di ponente, dal distributore di carburanti per motopesca antistante i magazzini portuali, sino al termine dello sperone ed incluso il lato imboccatura; in tale area sono ammesse le sole operazioni di carico e scarico. È istituito il divieto di sosta permanente e con rimozione forzata lungo il lato banchina dell’area in concessione alla Cooperativa Armatori, nel piazzale portuale di sbarco nonché in adiacenza alla pesa dei mitili. Nei giorni prefestivi e festivi, compatibilmente con preminenti esigenze di sicurezza della navigazione, è istituito, nel tratto antistante la discesa della pesa in concessione alla Cooperativa Armatori (area stradale 15 mt x 15 mt collocata in prossimità del ciglio banchina), e per motivi di sicurezza in area portuale, il divieto temporaneo di transito e sosta per tutti i veicoli e pedoni. In corrispondenza del varco nord, nelle immediate vicinanze dell’esercizio commerciale denominato “Piadina del pescatore”, sono istituiti 2 stalli di sosta libera, e n.1 stallo di sosta libera con disco orario a 30 min. La predisposizione e manutenzione dei varchi, nonché il rinnovo delle utenze telefoniche asservite all’operatività degli stessi, sono a carico dell’Amministrazione Comunale. 

Infine, sono istituiti : 2 stalli riservati a disabili, 2 stalli di sosta libera con disco orario a 30 min, 3 stalli riservati ai concessionari di traghetto e banchi vendita del pesce, con obbligo di possesso ed esibizione di contrassegno. Per il parcheggio in tali aree dovrà essere esposto sul veicolo il contrassegno autorizzativo rilasciato dal Comune di Cesenatico. Sono istituiti i divieti di sosta in corrispondenza degli ingressi degli stabili ad uso magazzini, per consentire alle rispettive attività ittiche concessionarie le operazioni di carico/scarico dei materiali. Stesso divieto di sosta in corrispondenza dell’idrante e della pompa carburante, nonché in prossimità del varco Est e un divieto di accesso per autocarri in corrispondenza dell’intersezione via Squero/via Matteucci, con possibilità di transito solo in uscita per i veicoli provenienti dal varco Est. Art. 4 

Negli ambiti di applicazione della presente ordinanza, i nullaosta all’ accesso, la circolazione o la sosta degli autoveicoli sono rilasciati, con contestuale consegna dei relativi contrassegni autorizzativi, dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Cesenatico. I contrassegni autorizzativi dovranno essere tenuti costantemente esposti durante l’intero arco di permanenza del veicolo nelle aree per cui essi assumono validità. La violazione dell’obbligo di esporre o di avere con sé ed esibire il contrassegno rilasciato è punito con la sanzione amministrativa da 25 a 500 €, applicata con le procedure previste per le ordinanze comunali.

 

Le parole del Sindaco Matteo Gozzoli 

«Questo lavoro di riqualificazione del Porto è senza precedenti e lo abbiamo portato avanti con grande impegno, per poter usufruire al meglio dei finanziamenti regionali, statali ed europei. La maggior funzionalità e il miglioramento estetico del Porto è sotto gli occhi di tutti e gli operatori economici insieme alle associazioni di categoria hanno più volte espresso la loro soddisfazione. Questo intervento e la sua regolazione con ordinanza contribuirà a portare ancora più ordine all’interno dell’area portuale, a migliorare la vivibilità del Porto e le condizioni di lavoro e sicurezza», le parole del Sindaco Matteo Gozzoli.