Coni:Mornati,’Senza dilettanti muore sport, estendere aiuti’

(ANSA) – ROMA, 27 APR – “Lo sport in Italia si fa solo attraverso le Associazioni sportive dilettantistiche e delle Società sportive dilettantistiche, che si fondano sul volontariato. Bisogna sostenerle in ogni modo, perché se si chiudono le associazioni dilettantistiche finisce lo sport in Italia”. Lo dice il segretario generale del Coni Carlo Mornati, riferendo in una audizione informale alle Commissioni riunite della Camera dei Deputati in merito all’esame del disegno di legge del decreto n. 23 del 2020, cosiddetto decreto liquidità.
    Il blocco delle attività a causa del Coronavirus “ha messo a dura prova l’attività delle Federazioni, delle Dsa e degli Enti, di promozione sportiva. Pur sostenendo l’azione del governo, il Coni in qualità di confederazione di federazioni, discipline sportive associate ed Enti di promozione sportiva, auspica che possano essere poste in essere nuove azioni di rilancio dello sport dilettantistico”, aggiunge Mornati.
    “Sono state approntate misure di sostegno importanti e da apprezzare – annuisce il segretario generale del Comitato olimpico nazionale italiano – ma considerate le 120 mila società dilettantistiche, sarebbe importante che la capienza in futuro possa essere incrementata. A noi stanno a cuore le associazioni sportive dilettantistiche. Vi chiediamo di darci una mano per farle sopravvivere”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte