Coronavirus: 6,7 milioni casi nel mondo

Il numero di casi di coronavirus nel mondo ha superato la soglia dei 6,7 milioni, mentre il bilancio dei morti è di oltre 395mila: è quanto emerge dal conteggio aggiornato dell’università americana Johns Hopkins. I dati pubblicati dall’ateneo indicano ad oggi un bilancio di 6.741.812 contagi accertati, inclusi 395.011 decessi.

La pandemia da coronavirus fa sentire forte la sua presa sull’America Latina in questi giorni, e nelle ultime 24 ore la curva dei contagi ha mostrato una chiara impennata con 1.238.101 casi (+84.163), mentre i morti hanno raggiunto quota 62.195 (+2.851). E’ quanto emerge oggi da una statistica elaborata dall’ANSA sulla base dei dati di 34 Nazioni e territori latinoamericani. Il Brasile continua ad attirare l’attenzione degli esperti sia per il numero dei contagiati, 645.771 (+30.830), sia per quello dei decessi che sono 35.026 (+1.005). Al secondo posto il Perù (187.400 e 5.162) e al terzo il Cile (122.499 e 1.448).

Fra le nazioni con più di 5.000 contagi il Messico (110.026 e 13.170), l’Ecuador (41.575 e 3.534), la Colombia (36.635 e 1.145), la Repubblica Dominicana (18.708 e 525), l’Argentina (21.037 e 632), Panama (15.044 e 363), la Bolivia (12.245 e 415), il Guatemala (6.154 e 158) e l’Honduras (5.880 e 243).

I casi di coronavirus negli Usa sono ormai 1,9 milioni e le vittime 109 mila, secondo i dati della Johns Hopkins University. Ma il dato più allarmante – sottolinea il New York Times sulla base della sua banca dati – è che si viaggia ancora ad una media di oltre 20 mila nuovi casi al giorno: 21.614 nella giornata di giovedì, soprattutto nel sud del Paese e in parte della costa occidentale caratterizzati da nuovi focolai. Grande preoccupazione è legata anche alla possibile impennata dei contagi a causa delle proteste in corso in tutti gli Usa.

La Libia registra nelle ultime 24 ore altri 30 nuovi contagi da coronavirus, che portano a 239 il totale dei casi confermati nel Paese. Lo ha reso noto il Centro nazionale libico per il controllo delle malattie sulla propria pagina Facebook, precisando che mentre i morti rimangono 5 e i guariti 52, le persone attualmente positive salgono a 182. Resta in vigore in molte città, tra cui Sebha nel Fezzan, Ghadames e Al-Koufrah, Jalu, il lockdown totale per cercare di limitare la diffusione della malattia.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte