Coronavirus, Crisanti: “Piano Veneto sui tamponi era una baggianata”. Ma Zaia non ci sta

Qualche settimana fa sui social girava un fotomontaggio: un album di figurine Panini ma non dei calciatori, bensì dei virologi. Era una burla ma probabilmente è anche per questo senso comune nei confronti degli scienziati che ora in Veneto si consuma uno dei testa a testa più duri dall’inizio della pandemia: quello tra il governatore del Veneto Luca Zaia e il direttore del laboratorio di Microbiologia di Padova Andrea Crisanti. A nessuno dei due dispiace l’idea di essere ricordato come l’uomo dei tamponi, colui che ha salvato il Veneto dal coronavirus. Ma mentre all’inizio la diplomazia governava il rapporto tra questi due uomini con il piglio da leader, ora volano gli stracci.
repIntervista

Fonte originale: Leggi ora la fonte