Coronavirus, dati incoraggianti per il farmaco anti-artrite

Da Aifa li definiscono risultati “incoraggianti”. Sono i primi ad arrivare per uno studio clinico approvato dall’Agenzia italiana del farmaco da quando è iniziata l’epidemia. Riguardano il tocilizumab, un medicinale normalmente usato contro malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide. A far partire lo studio è stato l’Istituto tumori di Napoli e il farmaco lo ha distribuito gratuitamente il produttore, la Roche. L’utilizzo riguarda persone in condizioni serie, cioè in una fase della malattia avanzata, da trattare in terapia intensiva.
repLocali

Fonte originale: Leggi ora la fonte