Coronavirus in Lombardia, bocciata la mozione di sfiducia del Pd contro Gallera ma Italia viva non partecipa al voto

Il Consiglio regionale della Lombardia salva l’assessore al Welfare Giulio Gallera e boccia la mozione di sfiducia presentata dal Pd contro la gestione della sanità lombarda durante l’emergenza Covid. Tuttavia la consigliera, Patrizia Baffi, unica rappresentante renziana nell’assemblea lombarda, non partecipa al voto e si smarca dal Pd. Si astiene anche Michele Usuelli di +Europa, mentre i civici di Elisabetta Strada pur non condividendo il metodo scelto dal Pd votano contro la gestione di Gallera. Si chiude con 49 no, 23 sì e 2 astenuti.

Tra i favorevoli alla mozione anche il Movimento Cinque stelle. Nonostante lo scrutinio segreto chiesto dall’opposizione di centrosinistra, la maggioranza che sostiene la giunta guidata dal governatore leghista Attilio Fontana ha fatto quadrato a difesa dell’assessore regionale alla Sanità di Forza Italia. La mozione presentata dal capogruppo del Pd al Pirellone, Fabio Pizzul, chiedeva inizialmente l’azzeramento dei vertici politici e di quelli tecnici della Regione. Poi il testo è stato corretto dai promotori con la sola richiesta di dimissioni dei vertici politici. Una correzione che non è bastata a convincere qualche consigliere regionale del centrodestra a votare con l’opposizione in Lombardia. E’ stato a quel punto che Patrizia Baffi di Italia viva ha rotto gli indugi e ha annunciato: “Non parteciperò al voto perché ritengo questa mozione un atto inopportuno in questo momento, sia nel merito che dal punto di vista politico”. Salvo aggiungere subito dopo: “Se ci saranno responsabilità andranno valutate dopo questa fase, in un quadro chiaro e complessivo. Votare in questo momento sarebbe come voler anticipare l’esito di una commissione che sta per iniziare il suo lavoro e la cui importanza rischia di essere banalizzata con una mozione che di fatto ne disconosce il valore arrivando a delle conclusioni”. Pochi giorni fa infatti l’ufficio di Presidenza del Pirellone aveva accolto la richiesta di tutte le opposizioni di istituire una commissione d’inchiesta per accertare quanto è accaduto in Lombardia durante l’emergenza per l’epidemia di Covid-19.

Cronaca

Fonte originale: Leggi ora la fonte