Coronavirus, la Calabria sfida il governo e riapre da domani bar e ristoranti all’aperto

Da domani in Calabria “è consentita la ripresa delle attività di bar, pasticcerie, ristoranti, pizzerie, agriturismo con somministrazione esclusiva attraverso il servizio con tavoli all’aperto”. Lo prevede l’ordinanza adottata questa sera dal presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, per la fase 2 di ripartenza. La Calabria ha anticipato così il termine del 4 maggio stabilito dal governo per le prime attività di cui è consentita la riapertura. Ma soprattutto, rompendo anche il fronte dei governatori dei centrodestra che hanno scritto una lettera al premier Conte e al presidente della Repubblica, Mattarella, ha sfidato direttamente il governo che ora potrebbe impugnare l’ordinanza.Quali attività possono riaprire“L’ordinanza  – ha spiegato Santelli in una nota – prevede “misure nuove, al pari di altre regioni e alcune uniche sul territorio nazionale; tutte parlano il linguaggio della fiducia. Poiché in queste settimane i calabresi hanno dimostrato senso civico e rispetto delle regole, è giusto che oggi la Regione ponga in loro fiducia. Sapranno dimostrare buon senso nel gestire i nuovi spazi di apertura che – prosegue il presidente della Regione – la Regione ha deciso di consentire, anche oltre il dettato del Governo”.Politica

Fonte originale: Leggi ora la fonte