Coronavirus: N.Zelanda chiama l’esercito

    La premier neozelandese Jacinda Ardern ha assegnato all’esercito la supervisione delle misure di quarantena alle frontiere. La decisione è stata presa dopo che le autorità hanno permesso a due donne neozelandesi arrivate dal Regno Unito di interrompere il periodo di isolamento obbligatorio senza essere sottoposte al test: le due donne sono poi risultate positive.
    Si à trattato di un “inaccettabile fallimento” da parte dei funzionari sanitari, ha detto Ardern, riporta l’emittente pubblica australiana Abc. Come è noto, l’8 giugno la Nuova Zelanda aveva vantato di essere del tutto libera dal Covid-19.
    La premier ha così affidato i controlli all’assistente capo della Difesa, il commodoro dell’aeronautica Digby Webb, il quale avrà la supervisionare di tutte le strutture di quarantena e di isolamento istituite nel Paese. Saranno inoltre effettuate attente verifiche per garantire che siano seguite tutte le procedure in atto e che siano rafforzate ulteriormente le strutture di frontiera.
    Funzionari sanitari hanno dichiarato che le donne non hanno avuto contatti con altre persone dopo l’uscita dall’isolamento, ma stanno rintracciando 320 persone che potrebbero essere venute a contatto con loro durante il volo o nell’hotel dove hanno soggiornato durante la parziale quarantena.
    Le due donne erano arrivate dalla Gran Bretagna il 7 giugno ed erano entrate in quarantena obbligatoria dopo l’atterraggio, ma avevano avuto il permesso speciale di lasciare in anticipo la struttura per visitare il loro genitore morente. Ardern ha affermato che ciò non avrebbe dovuto essere permesso. “Questo rappresenta un inaccettabile fallimento del sistema”, ha detto la premier.


Fonte originale: Leggi ora la fonte