Coronavirus, nuovi sintomi nei bambini inglesi

LONDRA. Si chiama “multi-system inflammatory state” ed è una grave sindrome infiammatoria che per ora ha interessato alcuni bambini inglesi e inquietato i medici oltremanica. Potrebbe trattarsi – condizionale d’obbligo – di una nuova sintomatologia legata al coronavirus, anche se sinora non c’è ancora conferma scientifica, ma solo sospetti. Quel che è certo è che nelle ultime settimane c’è stato un aumento di casi, per ora una decina, partiti da un ospedale della zona nord di Londra e poi diffusisi in altre zone del Regno Unito. E la causa, o la correlazione, non sono state ancora decifrate.
 
Il caso è stato portato oggi alla ribalta dalla rivista scientifica inglese Health Service Journal. I casi di “multi-system inflammatory state” sono ancora molto pochi, ma l’allerta negli ospedali britannici è elevata, non tanto perché al momento sia un’emergenza gravissima ma proprio per cercare di capire le ragioni. Oggi pomeriggio in conferenza stampa persino il ministro della Sanità Matt Hancock si è detto “molto preoccupato” della vicenda.
 

Il “multi-system inflammatory state” è una risposta immunitaria acuta che innesca una vasta infiammazione corporea, che può interessare diversi organi e parti del corpo. Somiglia, almeno in parte, alla sindrome da choc tossico o a quella di Kawasaki, per cui i vasi sanguigni si dilatano o rompono, provocando prima una bassa pressione e poi problemi potenzialmente gravissimi, come accumuli di sangue e liquidi nei polmoni o altri organi come cuore o reni. Sinora una decina di bambini hanno sofferto di una patologia del genere: alcuni di loro sono risultati positivi al Covid19, altri no.
 
Questa tendenza, dunque, potrebbe rivelare un altro lato preoccupante del coronavirus. Sinora i bambini sono stati considerati quelli meno a rischio nell’epidemia, per lo meno a livello generale. Ora andrà appurato anche questo fenomeno. Di certo, come riporta il Guardian, in Regno Unito sintomi del multi-system inflammatory state” sono stati riscontrati anche negli adulti colpiti da Covid19, il cui sistema immunitario ha reagito allo stesso modo in alcuni pazienti, soprattutto nella seconda fase dell’infezione da coronavirus che ha infiammato altri organi dopo i polmoni. Nei bambini sotto osservazione si sono manifestati invece anche problemi gastrointestinali, dolori addominali e infiammazioni al cuore.
 


Fonte originale: Leggi ora la fonte