Coronavirus: Oms, l’Africa registra una diminuzione dei casi

(ANSA) – BRAZAVIL, 25 SET – L’Africa ha scampato un aumento “esponenziale” dei casi di coronavirus registrati altrove
probabilmente per la bassa densità della sua popolazione, il
clima caldo e umido e la giovane età dei suoi abitanti, secondo
l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). L’Africa registra
a oggi 1.439.657 contagi con 34.706 decessi, una cifra molto
inferiore a quella di altri continenti, con i soli Stati Uniti
che segnalano 6.979.937 casi con 202.827 morti.
    “La trasmissione del coronavirus in Africa è stata
contrassegnata da un numero relativamente inferiore di
infezioni, diminuite negli scorsi due mesi”, ha affermato l’Oms
in una dichiarazione. “Nelle ultime quattro settimane, sono
stati registrati 77.147 nuovi casi contro i 131.647 delle
precedenti quattro settimane”, ha aggiunto.
    L’agenzia dell’Onu per la salute ha dichiarato che alcuni dei
Paesi africani più colpiti dalla pandemia come Algeria, Camerun,
Etiopia, Ghana, Costa d’Avorio, Kenya, Madagascar, Nigeria,
Senegal e Sudafrica hanno visto un costante calo delle infezioni
negli ultimi due mesi. Probabili contributi a questi bassi tassi
di contagio, secondo l’Oms, sono stati dati dalla “combinazione
di bassa densità di popolazione, clima caldo e umido e alta
percentuale di giovani”.
    “Circa il 91 per cento delle infezioni nell’Africa
sub-sahariana hanno riguardato persone di meno di 60 anni e
oltre l’80 per cento dei casi sono stati asintomatici”, ha detto
ancora l’Oms. Il declino del contagio è la testimonianza
dell’apporto decisivo delle misure prese per la salute pubblica
da tutti i governi della regione, ha detto Matshidiso Moeti,
direttrice regionale dell’Oms per il continente. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte