Covid: Usa, superati 16 milioni di casi, 297.000 morti

Negli Stati Uniti i casi di contagio da coronavirus dall’inizio della pandemia hanno superato i 16 milioni, con un record di un milione di casi negli ultimi quattro giorni. I decessi sono oltre 297 mila. I dati sono della Johns Hopkins University. 

Il vaccino Pfizer-BioNTech anti Covid-19 arriverà lunedì mattina negli ospedali e in altri centri degli Stati Uniti, pronto per essere inoculato a milioni di americani: lo hanno fatto sapere le autorità statunitensi.

La Corea del Sud ha registrato oggi 1.030 nuovi casi di coronavirus, il secondo record giornaliero consecutivo, mentre il Paese affronta una terza ondata di infezioni. Il Paese era stato precedentemente considerato un modello nella lotta contro la pandemia, quasi debellata a suo tempo grazie al rigore della popolazione nel rispetto delle regole e a un modello ‘traccia, testa e tratta’ estremamente tempestivo che aveva consentito di evitare lockdown totali. Ma una ripresa dei contagi, soprattutto nell’area della capitale, ha spinto il presidente Moon Jae-in a scusarsi su Facebook per l’incapacità della sua amministrazione nel contenere l’ultima ondata. Ieri ha definito la situazione “gravissima” dopo che le autorità avevano segnalato 950 nuove infezioni, il maggiore aumento giornaliero dall’inizio della pandemia. Il record di sabato è stato battuto domenica con 1.002 nuovi casi trasmessi localmente, 786 dei quali concentrati nell’ area di Seul, che ospita la metà dei 52 milioni di abitanti del Paese. L’aumento dei contagi nel fine settimana ha fatto seguito a diversi giorni in cui si erano attestati sui 5-600.Il picco si è avuto nonostante l’inasprimento già adottato delle regole di distanziamento sociale, che ora potrebbe subire ulteriori restrizioni.


Fonte originale: Leggi ora la fonte