Crisanti: Lo stop alle discoteche coraggioso e coerente

Lo stop alle discoteche “è un provvedimento coraggioso, coerente, che mette fine ad una babele di voci e e di provvedimenti, e che sicuramente da’ un segnale ai giovani, e avrà un impatto sulla trasmissione del virus. Perchè le discoteche sono un luogo dove sicuramente è favorita la diffusione del virus”. Lo ha detto il prof. Andrea Crisanti, ordinario di microbiologia all’Università di Padova, commentando a ‘Timeline’ su SkyTg 24 il provvedimento del Governo sulle discoteche.

 “In Italia, se andiamo a guardare rispetto a due-tre settimane fa, i casi si sono triplicati, ma originano principalmente da trasmissione endogena, e sono sicuramente importanti. L’Italia non sta in una bolla impermeabile rispetto a quanto succede del mondo”, ha ha affermato Crisanti.  “Nel resto del mondo nelle ultime settimane veiamo 2-3mila casi al giorno, ed è chiaro – ha aggiunto – che il nostro Paese non poteva rimanere esente da questa problematica. Adesso si stanno pendendo provvedimenti per i rientri dai paesi un po’ più a rischio, e questa è una componente importante”. Crisanti si è detto in disaccordo con chi ritiene che l’epidemia stia adesso colpendo maggiormente i giovani: “se guardiamo l’analisi dell’Istat – ha osservato lo studioso – notiamo che anche nell’epidemia passata le persone avevano prevalentemente un’età tra 19 e i 50 anni, il problema è che prima arrivano alla nostra attenzione persone malate di età tra i 55 e 85 anni. Non credo che l’epidemia si sia modificata; le persone anziane stanno molto più attente e c’è molta più cura nella gestione delle case di riposo”. 
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte