Dai rimborsi per gli affitti alla cig, tutti gli aiuti alle imprese del decreto di maggio

ROMA – Un mega ristoro di maggio, per far fronte alle profonde ferite dell’epidemia e dell’economia dall’artigiano, al commerciante alla piccola impresa fino a 5 milioni di fatturato. Dopo un paio di giorni segnati da riunioni notturne e incontri con le parti sociali, si profila il nuovo testo del decreto per rilanciare l’economia che probabilmente sarà varato dal consiglio dei ministri di venerdì.

La novità più importante è il nuovo meccanismo di ristoro dalle perdite causate dalla crisi profonda che tratterà allo stesso modo artigiani, commercianti e microimprese fino a 5 milioni di fatturato: questa operazione da sola vale 7 miliardi a fondo perduto. Tutti questi soggetti avranno contributi per tre mesi sugli affitti, sulle bollette e un contributo a fondo perduto del 20-25 per cento sulle perdite di fatturato.


RepDecreto in stallo, Conte pensa a un taglio fiscale per le imprese

Fonte originale: Leggi ora la fonte