Emilia Romagna. Agricoltura biologica, la Regione investe 48 milioni

La Regione Emilia-Romagna per il nuovo anno prosegue nell’investimento di nuove risorse nel settore del bio. Biodiversità, sostenibilità e contrasto al cambiamento climatico, sono i tre punti che caratterizzano il Programma regionale di sviluppo rurale 2014-2020 che adesso si arricchisce di ulteriori 48 milioni di euro e di ben 10 bandi per l’agro-alimentare e il biologico che su tutto il territorio regionale copre una superficie di 117 mila ettari.

“Puntiamo al raddoppio delle superfici bio”, ha dichiarato l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli spiegando che questi nuovi bandi confermano la capacità dell’Amministrazione di utilizzare i fondi europei anche per sostenere la ripresa in atto, con interventi in agricoltura che garantiscano la sostenibilità dell’intero comparto. Le domande potranno essere presentate fino al 31 gennaio 2018. Oltre che all’agricoltura biologica, le risorse sono destinate in particolare a progetti per la biodiversità vegetale e animale di interesse agrario, il ritiro dei seminativi a scopo ambientale, il mantenimento del paesaggio agrario, l’incremento della sostanza organica nei suoli, l’agricoltura conservativa.

In Emilia-Romagna sono in totale 4000 mila le aziende agricole che praticano agricoltura biologica. Tanto che con queste nuove risorse messe a disposizione il sostegno al bio nell’arco della durata del 2014-2020 raggiunge così la cifra di oltre 115 milioni di euro.

 

 

Carmela Vigliaroli

cvigliaroli@giornaledelrubicone.com