Emilia Romagna. Carabinieri Forestali, 263mila euro di sanzioni e sequestri penali nel 2017

Teschi di scimmiette, soprammobili in avorio, animali imbalsamati e coralli di vario tipo. Sono alcuni dei sequestri eseguiti dai Carabinieri Forestali dell’Emilia-Romagna, che nel 2017 hanno fatto più di 300 controlli, elevando sanzioni per circa 263.000 euro. I ‘pezzi’ sottoposti a verifiche sono stati oltre 26.000 e i sequestri penali 51. I dati sono stati illustrati in occasione della presentazione a Bologna del calendario Cites 2018.

Molti dei ‘souvenir’ illegali, provenienti da paesi esotici e vietati perché realizzati con animali tutelati dalla convenzione Cites sul commercio delle specie protette, sono stati sequestrati all’aeroporto Marconi di Bologna, a turisti che rientravano dalle vacanze.

“Chi va all’estero deve sapere che portando a casa un corallo rischia non meno di 5.000 euro di sanzione, oltre a un eventuale procedimento penale”, ha spiegato il Gen. Giuseppe Giove, Comandante dei Carabinieri Forestali dell’Emilia Romagna. “Questo commercio illegale tra l’altro foraggia il terrorismo internazionale”, ha aggiunto Giove, spiegando che “in Africa mille poliziotti ogni anno muoiono per difendere le specie protette da bande che uccidono questi poveri animali e utilizzano i proventi della vendita per finanziare attività di tipo criminale”.
Da Modena invece, tra i casi più simbolici, arriva la storia di un varano recuperato in un campo dopo la segnalazione di un signore a spasso con il suo cane e poi affidato al centro Il Pettirosso.

Tre i Cites dei Carabinieri Forestali dell’Emilia Romagna, impegnati nel tutelare le specie di flora e di fauna minacciate dall’estinzione, che ieri hanno presentato il calendario 2018 per sensibilizzare sui temi della biodiversità contro le attività illecite della criminalità organizzata.

 

 

Carmela Vigliaroli

cvigliaroli@giornaledelrubicone.com