Emilia Romagna. Vaccini, Stefano Bonaccini: “l’obbligo può essere rivisto”

Sul fronte vaccinale “il fatto che” in regione, con l’introduzione dell’obbligatorietà per la fascia 0-3 anni “si sia risaliti sopra il 95% di copertura è una cosa che, “credo, forse nemmeno noi auspicavamo in maniera così rapida. Si è tornati dopo anni di calo” a una copertura “addirittura sopra la soglia dell’immunità di gregge. Siamo sopra il 95% anche di non poco: se nei prossimi anni dovesse rimanere quella soglia si può discutere” sull’obbligatorietà. Lo ha detto, il presidente dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini.
“Non siamo qui a fare battaglie ideologiche – ha aggiunto -: ho sempre detto che se in futuro si dovesse stabilizzare quella cifra, ben oltre 95% non è neanche detto che non si possa togliere l’obbligatorietà”.
La norma l’abbiamo fatta convinti di rispondere al fatto che l’obbligatorietà potesse aiutare “a riportare a livelli adeguati la copertura vaccinale. Mi auguro – ha concluso Bonaccini – che potremo confrontarci nel merito sia come Conferenza Stato-Regioni sia come Regione”.
 

Ansa.it