Everest ‘cresciuto’ di 86 cm, nuova misurazione Nepal-Cina

(ANSA) – ROMA, 08 DIC – Il Monte Everest misura in altezza
esattamente 8.848,86 metri: è ufficialmente ‘cresciuto’ di 86
centimetri dall’ultima misurazione universalmente accettata, che
risaliva al 1954, l’anno della prima conquista alpinistica della
vetta e che collocava il “tetto del mondo” a 8.848 metri al di
sopra del livello del mare.
    Il nuovo dato è stato annunciato congiuntamente dalla Cina e
dal Nepal, i due Paesi che si dividono la montagna e il cui
confine passa proprio per la vetta. Un annuncio ufficiale e ‘concordato’, dopo diversi anni di dissidi fra i due Paesi, con
Pechino che intendeva fermare la misura dell’altitudine alla
sommità rocciosa e Kathmandu che invece insisteva che andasse
inclusa anche la calotta di ghiaccio che ricopre la vetta, a
costo di una maggiore volubilità. Pechino quindi nel 2005 aveva ‘decretato’ che andassero sottratti quasi 4 metri di ghiaccio,
riducendo l’altezza dell’Everest a 8.844,43 metri.
    L’accordo fra i due Paesi confinanti sulla nuova misurazione
era stato annunciato lo scorso anno nel corso di una visita del
presidente cinese Xi Jinping in Nepal.
    Geologicamente molto ‘giovane’, la catena dell’Himalaya, nata
50-60 milioni di anni fa, è tuttora in crescita per effetto
delle spinte tettoniche della crosta terrestre. I geologi
ritengono comunque che anche la vetta dell’Everest si sollevi di
quasi mezzo metro ogni secolo circa. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte