Floyd, da proteste rischio nuovi contagi

(ANSA) – ROMA, 8 GIU – Comincia la terza settimana di proteste contro la brutalità della polizia negli Stati Uniti dopo la morte di George Floyd durante il suo arresto a Minneapolis che hanno visto folle in piazza al grido di ‘Black Lives Matter’, ma ai tempi del coronavirus ci si chiede se la rabbia contro il razzismo possa diventare un moltiplicatore di contagi, a partire da un tweet del virologo statunitense Trevor Bedford della Fred Hutchinson Cancer Research Institute di Seattle secondo cui ogni giornata di protesta può tradursi potenzialmente in 3.000 nuovi casi e fra 50 e 500 morti. “E se si hanno 3000 nuovi casi al giorno, ci si può aspettare che queste infezioni portino a in definitiva a 54mila contagi”, sostiene il virologo. L’intervento di Bedford ha acceso il dibattito in rete, in cui emerge anche il timore che le considerazioni scientifiche del virologo possano dare man forte a chi ha come obiettivo quello di depotenziare la protesta.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte