GAMBETTOLA. LUNEDI’ L’ULTIMO SALUTO AL PICCOLO DIEGO GEORGIEV, IL BIMBO DI NEANCHE DUE ANNI SPIRATO IL 21 GIUGNO AL SANT’ORSOLA

Eseguita venerdì l’autopsia disposta dalla Procura felsinea, che ha aperto un fascicolo, i genitori del bambino hanno potuto fissare la data dei funerali

Saranno celebrati lunedì 28 giugno 2021, alle ore 15.30, nella chiesa in centro a Gambettola, i funerali del piccolo Diego Georgiev, il bimbo del posto di non ancora due anni (li avrebbe compiuti il 24 luglio) deceduto all’improvviso e in circostanze tutte da chiarire venerdì 18 giugno all’ospedale Sant’Orsola di Bologna, dov’era stato trasferito dal Bufalini di Cesena (tardivamente secondo i genitori) nell’estremo tentativo di salvarlo.

Il papà e la mamma, infatti, per fare piena luce sulla tragica perdita del loro unico figlio, si sono affidati a Studio3A e hanno sporto denuncia presso la stazione dei carabinieri di Cesena, con la conseguente immediata apertura di un procedimento penale, per ora contro ignoti, da parte del Pubblico Ministero della Procura di Bologna, dott. Marco Forte, che ha anche disposto una perizia autoptica per chiarire le cause del decesso di un bambino che si lì non aveva mai sofferto di nessuna patologia particolare ed eventuali responsabilità da parte dei medici che l’hanno avuto in cura, sia quanto alla diagnosi sia quanto alla terapia applicata: i sanitari del nosocomio cesenate, dove Diego era stato ricoverato dal pomeriggio di mercoledì 16 fino alla tarda mattinata di venerdì 18 giugno, avevano inizialmente ipotizzato si trattasse di un virus, in particolare di una forma di meningite (vari tamponi hanno escluso il Covid-19), e poi di una miocardite.

L’autopsia sul piccolo corpicino effettuata venerdì 25 giugno nella sala autoptica del Sant’Orsola dal dott. Giudo Pelletti, il consulente tecnico medico legale nominato dal magistrato, avrebbe in effetti rilevato la presenza di una miocardite, ma per sapere esattamente cosa sia successo e se, con una diversa condotta da parte dei medici che l’hanno avuto in cura, il bambino si sarebbe potuto salvare, bisognerà attendere i risultati degli esami sui campioni prelevati e il vaglio di tutte le cartelle cliniche acquisite dal Ctu: alle operazioni peritali ha partecipato, come medico legale di parte per la famiglia, anche il dott. Pierfrancesco Monaco, messo a disposizione da Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini a cui i genitori del bimbo si sono affidati, attraverso la consulente legale dott.ssa Sara Donati. Genitori che, una volta giunto il nulla osta dall’autorità giudiziaria, hanno potuto fissare la data delle esequie.

Lunedì pomeriggio ci sarà tutto il paese per dare l’ultimo saluto al piccolo, la cui morte ha destato profonda commozione, e per manifestare la propria vicinanza e il proprio cordoglio a mamma Vanya, a papà Angel e ai nonni Dobri, Iordanca e Vasco: una famiglia di origine bulgara ma da tanti anni in Italia e ben inserita nella comunità, i genitori sono cittadini italiani e Diego era nato a Cesena. Ci saranno anche i suoi piccoli compagni, con i loro genitori e con le maestre, dell’asilo nido di Gambettola che Diego aveva frequentato, felice e sorridente, fino a pochi giorni prima del dramma.