Gatteo. Violenza sulle donne, Daniela Piccari ripercorre le orme di Antigone

Ripercorre le orme di Antigone lo spettacolo che il Comune di Gatteo ha scelto per celebrare la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, celebrata in tutto il mondo sabato 25 novembre. Dopo lo spettacolo di giovedì 23 con Lelia Serra intenta a leggere i brani di Nino Pedretti e l’inaugurazione della nuova sezione “Donne” della biblioteca,realizzata grazie alla donazione del “centro donne Arcobaleno, sabato 25 è nuovamente tempo di incontrarsi, questa volta all’Oratorio di San Rocco (ore 21, ingresso libero) , per un momento di riflessione artistica sulla condizione femminile

Con testi di Giampiero Pizzol e musica di Andrea Alessi, lo spettacolo “Musica nel sangue”, grazie alla voce narrante di Daniela, ripercorre le orme di Antigone con l’accompagnamento musicale di Andrea Alessi al contrabbasso e Dimitri Sillato al pianoforte.  Antigone, figlia di Edipo, è un personaggio della tragedia greca che il teatro antico ha saputo scolpire e rendere un simbolo. Secondo il mito, Antigone decide di dare sepoltura al cadavere del fratello Polinice contro la volontà del nuovo re di Tebe, Creonte. Scoperta, viene condannata dal re Creonte a vivere il resto dei suoi giorni imprigionata in una grotta. In seguito alle profezie dell’indovino Tiresia e alle suppliche del coro, Creonte decide infine di liberarla, ma troppo tardi, perché Antigone nel frattempo si è suicidata impiccandosi.

“Antigone quella notte – racconta Daniela Piccari – uscì come una bambina che scappa di casa, segretamente, perché si opponeva alla legge che vietava la sepoltura di Polinice. Senza corazza, senza spada, con un pugno di sabbia per seppellire suo fratello, una giovane ragazza sfida le regole accompagnando quel rito di amore puro con il suo canto silenzioso. Lei non si inchina alla legge, ma a quel che nel cuore batte come desiderio di giustizia”. In scena Daniela, tra canto e recitazione, attualizzerà così il mito facendo di Antigone “una ragazza di oggi”, alle prese con un’impresa coraggiosa contro le convenzioni di una società che toglie libertà alle donne.

Daniela Piccari è da oltre trent’anni sui palchi italiani ed europei, soprattutto in Danimarca. Abbinando canto e recitazione, Daniela in questi anni ha dato vita a decine di progetti di teatro per adulti e ragazzi, collaborando alle produzioni di Accademia Perduta / Romagna teatri in tandem con Claudio Casadio. Della ricerca sul teatro musicale fanno parte anche gli incontri con i poeti come Nino Pedretti e Raffaello Baldini, le cui poesie in dialetto romagnolo diventano canzoni nei suoi concerti. E’ impegnata per sperimentazioni teatrali con diversi attori, danzatori e autori fra cui Giorgia Madamma, Giampiero Pizzol, Lucia Vasini, Elena Bucci, Roberto di Camillo e, più in generale, coloro che sperimentano la “fusione” dei linguaggi artistici.

 

 

Carmela Vigliaroli

cvigliaroli@giornaledelrubicone.com