IGEA MARINA. PARCHEGGIO O BIVACCO? E DAI SOCIAL PARTONO PROPOSTE DI INTERVENTO

Proseguono incessantemente e quotidianamente le segnalazioni sulle pagine locali di facebook di cittadini di Igea Marina che lamentano la presenza di nomadi nei parcheggi. Da quello in zona Gelso a Belverde la situazione non cambia e si ripete costantemente.

L’ultima oggi, nella quale un residente lamenta bivacco a Belverde: gli zingari “padroni” del parcheggio, immondizia appesa agli alberi, liquami sversati nel prato, abluzioni nella fontana di piazza Falcone-Borsellino. I turisti chiedono dove poter andare a parcheggiare, perché nessuno si azzarda a lasciare l’auto in quel posto. E chi ha la sconsiderata idea di uscire dalla stazione lato monte ha paura.

E qualcuno azzarda una soluzione sulla scia di quanto fatto da chi di dovere in un parcheggio di San Vito in cui il bivacco era continuo: installati dei new jersey di cemento in modo che non possano parcheggiare. Che sia la soluzione giusta?

 

 

Carmela Vigliaroli