Il Comites plaude all’annessione di Montecopiolo e Sassofeltrio all’Emilia Romagna

 

Questo pomeriggio il vicepresidente del Comites Alessandro Amadei ha
incontrato a San Marino Bruno Ciucci, sindaco di Sassofeltrio ed Agostino
D’Antonio, Coordinatore dei Comitati Montecopiolo Sassofeltrio in
Romagna (foto) per complimentarsi con loro per il passaggio dei due
Comuni dalla Regione Marche all’Emilia Romagna, con la conseguente
aggregazione alla provincia di Rimini – si legge in una nota congiunta
diffusa dal vicepresidente del Comites e dal Coordinatore dei Comitati
Montecopiolo Sassofeltrio. Un risultato storico, quello ottenuto da
Montecopiolo e Sassofeltrio – prosegue la nota – che premia l’abnegazione
e l’impegno del comitato, delle amministrazioni comunali e di tanti
esponenti della società civile che per motivi culturali, storici ed anche
economici si sentono da sempre romagnoli. E’ da 14 anni che si attendeva
la conclusione di un lungo iter procedurale avviato con i referendum
consultivi indetti nei due comuni il 24 e 25 giugno 2007 e più volte
bloccato dall’ostruzionismo del consiglio regionale delle Marche e di
alcuni partiti politici che decisero di lanciare una crociata contro l’esito
del voto. La percentuale dei favorevoli al distacco dei comuni dalle
Marche fu a Montecopiolo dell’83% dei votanti, mentre a Sassofeltrio
dell’87%. Nonostante le mille difficoltà affrontate, il 25 maggio scorso il
Senato ha finalmente approvato il disegno di legge di distacco ed
aggregazione dei due comuni all’Emilia Romagna, dando così piena
attuazione alla volontà popolare e scrivendo così una bellissima pagina di
democrazia. Perché la battaglia sui referendum di Montecopiolo e
Sassofeltrio è divenuta l’emblema di tutte le istanze referendarie nazionali
– conclude la nota.
Alessandro Amadei (vicepresidente del Comites)
Agostino D’Antonio (Coordinatore dei Comitati Montecopiolo
Sassofeltrio in Romagna)