Iniziativa Oms per accelerare vaccino

Una “collaborazione storica” per accelerare lo sviluppo, la produzione e la distribuzione equa del vaccino e delle terapie contro il coronavirus è stata lanciata oggi dal segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, il direttore dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, e il presidente francese Emmanuel Macron. “Sono particolarmente grato al presidente Emmanuel Macron, alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e a Bill e Melinda Gates per la loro leadership e il loro sostegno”, ha detto il direttore generale dell’Oms ringraziando anche gli altri leader mondiali che hanno dato il loro appoggio all’iniziativa. “Da gennaio l’Oms sta lavorando con migliaia di ricercatori nel mondo per accelerare lo sviluppo di un vaccino. Uniti vinceremo il coronavirus”, ha detto.

Conte, Italia in prima linea nella lotta contro virus – “L’Italia è dall’inizio in prima linea in questa battaglia. Abbiamo imparato sulla nostra pelle che il virus non conosce confini”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte alla conferenza stampa virtuale per la presentazione di un’iniziativa Onu-Oms per accelerare lo sviluppo di un vaccino contro il coronavirus. “Siamo fieri di far parte di questa alleanza e vorrei dedicare il progetto a chi ha perso la vita e ai nostri eroi, dottori e medici. Il loro sforzo non sarà vano”, aggiunge il premier.  “Senza il vaccino non ci sarà una soluzione”

Guterres, nessuno è salvo se non tutti sono salvi – “Questa iniziativa è la più grande collaborazione medico-scientifica della storia”. Lo ha detto il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres presentando il progetto lanciato dalle Nazioni Unite e dall’Oms per accelerare la produzione di un vaccino contro il coronavirus. “In un mondo interconnesso come il nostro, nessuno è salvo se non tutti sono salvi”, ha sottolineato durante una conferenza stampa virtuale alla quale partecipano tra gli altri il presidente francese Emmanuel Macron e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.


Fonte originale: Leggi ora la fonte