La Bce aumenta il piano d’acquisti anti-Covid: altri 600 miliardi. Lagarde: “Crollo ecomia senza precedenti”

MILANO – La Bce non delude le attese di intervento sul piano d’acquisto di titoli in funzione anti-emergenza Covid: sarà ampliato di 600 miliardi per un totale di 1.350 miliardi. Esteso anche l’orizzonte del programma – il cosiddetto Pepp (pandemic emergency purchase programme) – con il termine previsto che scavalla la fine del 2020 per arrivare a tutto giugno 2021. Notizie che fanno cambiare verso ai mercati: fin lì deboli, i listini europei passano in rialzo mentre cala sensibilmente lo spread tra Btp e Bund tedeschi.
#bce espande piano anti pandemia pepp di 600 miliardi di euro a 1.350 miliardi. e “continuerà ad essere flessibile” per scongiurare rischi che compromettano “una fluida trasmissione della politica monetaria” #lagarde— tonia mastrobuoni (@mastrobradipo) June 4, 2020

Al termine di un atteso Consiglio a Francoforte, la Banca centrale europea prende atto del peggioramento delle prospettive di inflazione a seguito della crisi economica legata alla pandemia. La presidente Christine Lagarde parla in conferenza stampa di un “crollo senza precedenti nel secondo trimestre” e di un recupero solo “tiepido”. La nuova stima di caduta dell’economia da parte della Bce si situa all’8,7% per quest’anno, una revisione di nove punti e mezzo rispetto alle ultime previsioni. Nel 2021 dovrebbe arrivare un rimbalzo del 5,2%, seguito da un +3,3% l’anno dopo. Tagliate anche le stime sull’inflazione dell’Eurozona che nel 2020 si posizionerà allo 0,3%, nel 2021 allo 0,8% mentre nel 2022 salirà all’1,3%
#lagarde recupero tiepido rispetto a crollo economia. stime pil e inflazione riviste in peggio e quadro dominato da eccezionale incertezza #bce— tonia mastrobuoni (@mastrobradipo) June 4, 2020


Alla luce di questo choc la Bce assicura che l’estensione del programma Pepp allenterà ulteriormente la posizione monetaria dell’Eurozona, dando supporto alle condizioni di finanziamento dell’economia reale, in particolare per imprese e famiglie. Confermando l’approccio “flessibile” agli acquisti, che permette a Francoforte di tararli sul mercato anche al di là della proporzione delle quote dei singoli Paesi membri nel suo capitale (favorendo ad esempio l’Italia), l’Eurotwer ne estende dunque la scadenza e precisa che in ogni caso continuerà a condurre gli acquisti finché non riterrà conclusa la fase di crisi. Insomma, la data di fine-acquisti è mobile a seconda delle esigenze.
#bce estende piano anti pandemia di acquisti di titoli pepp da fine anno a giugno del 2021 e in ogni caso “finché giudicherà che la fase di crisi da coronavirus sarà conclusa” #lagarde— tonia mastrobuoni (@mastrobradipo) June 4, 2020

La previsione pressoché unanime degli analisti era per un intervento di almeno 500 miliardi. L’ampiamento era ritenuto necessario anche perché a conti fatti la Bce avrebbe già sparato un terzo delle cartucce a disposizione in nemmeno due mesi di programma e sarebbe difficile arrivare in queste condizioni alla fine dell’anno.
RepGermania, un piano sociale ed ecologico da 130 miliardi per uscire dalla crisi

Fonte originale: Leggi ora la fonte