La prima cena al ristorante: “Che gioia, avevamo dimenticato”

18 maggio 2020

Almeno un metro di distanza l’uno dall’altro, mascherina obbligatoria fin quando non si raggiunge il proprio tavolo, gel igienizzanti a disposizione e tanto buon senso. E’ la prima cena al ristorante nella Capitale, tra carbonara e pollo alla romana, senza dimenticare un evergreen, la pizza. “Avevamo dimenticato cosa volesse dire essere liberi e fare una cosa normale, come mangiare fuori. Non credevamo fosse possibile”, dicono gli avventori dei ristoranti. “E’ anche un gesto di solidarietà per queste attività che rischiano di morire”, dicono altri, contenti di poter finalmente abbandonare le cucine di casa o l’asporto. “Siamo felicissimi di vedere la gente seduta ai nostri tavoli”, commenta il titolare di una trattoria al Colosseo

di Camilla Romana Bruno



Fonte originale: Leggi ora la fonte