Lavorare a cicli di 14 giorni: il modello matematico per riaccendere l’economia, minimizzando i contagi

Come nel judo, abbattere l’avversario, sfruttando la sua spinta. Nel caso dell’epidemia, approfittare dei vincoli, per così dire, della sua agenda. Insomma, allentare la quarantena, navigando i ritmi e i comportamenti del coronavirus. Il risultato non garantisce la salute al 100 per cento, ma, sostiene un modello  matematico israeliano, dà ai governi il sacro graal di cui sono disperatamente a caccia, per uscire dalla tenaglia epidemia/recessione: minimizza i contagi, mentre riapre l’economia. E come ci si riesce? Con un immaginoso mix di settimana corta (anzi, cortissima) e un meccanismo tipo le targhe alterne dell’antica austerità.

La chiave della “strategia ciclica adattiva di uscita della quarantena” immaginata da Ron Milo, Uri Alon e i loro colleghi di Tel Aviv è il ritmo di contagiosità del coronavirus che, come tutti i comportamenti del virus, dopo un periodo di osservazione di soli tre mesi, è, però, tuttora materia soprattutto di ipotesi, che spesso vengono rapidamente smentite da nuove osservazioni. Per il momento, tuttavia, sembra di capire che il virus, nei primi tre giorni dal contagio, abbia scarsa capacità di infettare altre persone. Questa capacità diventa massima fra il quarto e l’ottavo giorno e poi, se l’infezione non ha attecchito, declina.


Se è così, dicono Milo e Alon, possiamo impostare ritmi di allentamento della quarantena di 14 giorni. Suddivisi così: si va a lavorare per quattro giorni. Sono i giorni in cui, per lo più, il virus non è ancora abbastanza attivo da infettare altre persone. Dopo il quarto giorno, via, in quarantena. E’ il momento, infatti, di massima contagiosità. Chiusi dentro casa, non rischiamo di infettare qualcun altro. E, allo stesso tempo, ci accorgiamo se siamo malati. In questo caso – se, cioè, il virus ha attecchito – restiamo contagiosi più a lungo, ma, siccome i sintomi sono evidenti, possiamo prendere le opportune precauzioni, continuando nel nostro isolamento. Se, invece, non ci sono segni di malattia, all’undicesimo giorno di quarantena, possiamo riuscire per andare a lavorare. A questo punto, infatti, per lo più la contagiosità è assente o molto ridotta.

Le parole importanti, in questo schema, sono per lo più: il meccanismo riduce la possibilità di contagio, ma non la elimina. E non annulla affatto l’imperativo di continuare a praticare le usuali precauzioni: mascherina, guanti, due metri di distanza. Consente, però, di riaprire l’economia, con un rischio calcolato.

Una eventuale ripresa dei contagi sarebbe, infatti, abbastanza contenuta da non sommergere le disponibilità di medici, infermieri, ventilatori. Si potrebbe perfezionare, dicono gli scienziati israeliani, anche con un meccanismo di alternanza, dividendo la popolazione in due cicli di quattordici giorni. Una settimana lavora il gruppo A, che, poi, al venerdì, si chiude a casa, fino alla domenica della settimana successiva. Intanto, però, il lunedì va a lavorare il gruppo B, fino al venerdì eccetera. In sostanza, ogni settimana c’è metà popolazione che lavora e l’economia, sia pure a ritmo ridotto, va avanti.

Della ricerca israeliana, per ora, ci sono solo anticipazioni: il lavoro deve essere ancora valutato e verificato secondo le abituali procedure delle pubblicazioni scientifiche. Tuttavia la filosofia del danno strisciante, ma ridotto, è già contestata: ancora una volta, a colpi di modelli matematici.

Un’altra ricerca – dell’Università di California Berkeley – dice, più o meno, il contrario. Alla lunga, sostengono i ricercatori americani, contenere l’epidemia costa più che sopprimerla con quarantene rigide. Prolungare, con quarantene a metà o a singhiozzo, il periodo in cui si sommano i costi delle morti, dei giorni persi per malattia, del boom per medici, farmaci e ospedali, dei meccanismi di distanziamento sociale (nei trasporti, nell’intrattenimento, nel turismo) significa, alla fine, un peso finanziario superiore a quello che si deve sopportare per una quarantena brusca, rigorosa, totale, ma di durata inferiore. A Berkeley invitano a considerare i costi della quarantena rigida come una sorta di investimento sul dopoepidemia. Anche qui, c’è una presupposto cruciale: devono essere in piedi sistemi di rilevazione e tracciamento dei contagi. Solo così, infatti, si sfruttano i benefici di una quarantena rigida: l’isolamento generale favorisce la riduzione dei contagi, che possono essere seguiti e circoscritti, consentendo agli altri di tornare presto ad una vita normale.



Fonte originale: Leggi ora la fonte