Le ultime parole diventano una preghiera

“La prego, la prego, non respiro. Mamma. Mamma. Mi uccideranno. Non respiro”. Le ultime parole pronunciate da George Floyd mentre è steso a terra, con il ginocchio dell’agente di polizia Derek Chauvin premuto sul collo, sono diventate una preghiera durante un raduno di fedeli cattolici a Washington.



Fonte originale: Leggi ora la fonte