Longiano. Armato chiede cibo e denaro ai francescani, ma deve accontentarsi di un telefonino. I carabinieri sulle tracce del rapinatore incappucciato

“Datemi soldi e cibo, altrimenti vi ammazzo tutti”. E’ quello che avrebbe urlato il malvivente incappucciato che nella notte tra mercoledì e giovedì, intorno alle 3,00, si è introdotto nella stanza di uno dei cinque frati francescani del santuario del Santissimo Crocifisso a Longiano. Secondo il religioso, l’uomo aveva in mano un cutter. Alla risposta del frate impaurito di non essere in possesso di denaro e cibo in camera e che la loro vita in convento si svolge in povertà, il rapinatore gli ha sottratto il cellulare.

Il ladro sembra si sia introdotto forzando una porta secondaria. La paura ha probabilmente impedito ai religiosi di chiamare immediatamente i carabinieri, avvisati dell’accaduto solo nella tarda mattinata di giovedì. Sulla rapina stanno indagando i carabinieri di Cesenatico in collaborazione con i colleghi della stazione di Longiano.

 

 

Carmela Vigliaroli

cvigliaroli@giornaledelrubicone.com