LONGIANO. NUOVO CONTRATTO DI LAVORO: E’ GUERRA TRA SINDACATI E DIRIGENZA DELLA CASA DI RIPOSO

Cgil, Cisl e Uil sono scesi in campo contro la dirigenza della casa di riposo “Colle Carducci” di Longiano, per la scelta di disdettare l’applicazione del contratto di lavoro scaduto a giugno per il personale impiegato nelle case di riposo e di applicarne un altro, nel mirino di CGIL Fp, Fisascat CISL, UIL Fpl e UIL TuCS  in quanto ritenuto sottoscritto da organizzazioni sindacali non rappresentative e non accettato dunque dai tre sindacati maggiori italiani.

L’assemblea sindacale si è tenuta fuori dalla casa di riposo poiché la proprietà si è detta non disposta a garantire la possibilità di svolgimento della stessa all’interno della struttura, affermando di essere impossibilitata a mettere a disposizione locali idonei a garantire la libertà e la riservatezza nello svolgimento delle assemblee sindacali.

Secondo i sindacati “il nuovo contratto peggiora in modo esponenziale le condizioni dei lavoratori da un punto di vista normativo e ne mortifica in modo inaccettabile le aspettative economiche, dopo sette anni di mancato rinnovo”.

 

Carmela Vigliaroli

c.vigliaroli@alice.it