LONGIANO: SI RIPARTE. Sabato 23 maggio riaprono musei, ristoranti, strutture ricettive. Ritorna all’orario standard anche l’Ufficio Turistico

Dopo quasi tre mesi di chiusura forzata dovuta all’emergenza coronavirus, sabato 23 maggio finalmente riaprono i luoghi di cultura Longiano. Museo d’Arte Sacra, Museo della Ghisa, Galleria delle Maschere e Museo del Territorio torneranno infatti operativi con i consueti orari. Fa eccezione la Fondazione Tito Balestra, che ha sede nel Castello Malatestiano, la cui apertura è prevista per la settimana prossima. Il Rifugio Bellico è aperto da mercoledì 20 maggio e sarà aperto come di consueto tutti i giorni dalla mattina fino a tutto il pomeriggio.

Dunque, sabato e domenica al pomeriggio si potranno nuovamente visitare le eccellenze turistiche e culturali longianesi, anche col supporto dell’Ufficio Turistico UIT Longiano tornerà finalmente operativo al 100% e aprirà al pubblico dalla mattinata di sabato dalle ore 9.30, continuando poi con il normale orario di apertura, ovvero tutti i giorni eccetto lunedì e martedì, alla mattina dalle 9.30 alle 12.30; sabato, domenica e festivi sia mattino h 9.30-12.30 che pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00.

Nel corso di questa settimana tornano operativi anche quasi tutti i ristoranti e le strutture ricettive longianesi, che tornano all’attività dopo la lunga pausa.

Naturalmente, l’accesso a tutti i luoghi pubblici è possibile solo rispettando le norme di distanziamento sociale e tutte le direttive igienico-sanitarie, fra cui l’uso obbligatorio della mascherina per i luoghi al chiuso e anche all’aperto se ci si trova a meno di un metro di distanza da altre persone. Le strutture saranno attrezzate con gli opportuni presidi per la prevenzione della diffusione del coronavirus.